Genius 5605 punti

Il Romanzo Moderno - La Nouvelle Heloise

Jean-Jacques Rousseau pubblicò nel 1756 un romanzo epistolare intitolato La nouvelle Héloïse che ebbe un successo immenso. A quel tempo c’erano tre modelli di romanzo: La nouvelle Héloïse di Rousseau, I dolori del giovane Werther di Goethe e le Ultime lettere di Jacopo Ortis di Foscolo. Il romanzo si affermò nella sua veste epistolare. La storia di La nouvelle Héloïse è molto semplice e richiama con il titolo il tema dell’amore di Abelardo per Héloïse. La protagonista è Julie, figlia di un grande nobile, la quale ha come precettore il borghese Saint-Preux. I due si innamorano perdutamente, ma il padre di Julie si oppone fermamente a questo matrimonio per via delle convenzioni sociali del tempo. Il dramma inizia a consumarsi quando Julie è costretta a sposare un vecchio nobile e i due innamorati si allontanano. Dopo diversi anni il padre di Julie richiama Saint-Preux per accudire i suoi nipoti. Alla fine del romanzo Julie muore affogando nel lago di Ginevra nel disperato tentativo di salvare i suoi figli. Venne ritrovata una sua lettera in cui prima di morire aveva scritto di avere sempre amato il suo precettore.

Rousseau consegnò alla letteratura del tempo un modello di eroe romantico, già nella metà del Settecento. C’è un’adesione totale alle passioni, che però genera conflitto con la società e le sue convenzioni. Questo scontro è uno dei più importanti della letteratura moderna e affonda le proprie radici in Rousseau. C’è il culto della sensibilità, tipico di Rousseau, il quale inventa il mito dell’anima ipersensibile, che è però incompresa e triste. In Rousseau però non c’è conflitto con la società borghese; il vero scontro avviene tra il ceto aristocratico e quello borghese. Importante è la tematica amorosa. Secondo alcuni studiosi c’è un legame stretto tra i temi dell’amore e della conflittualità sociale. C’è un’esaltazione egocentrica dei propri stati sentimentali: il personaggio Saint-Preux è attratto soprattutto dal sentimento che l’amore per Julie provoca in lui. Questo sentimentalismo provoca un uso frequente di frasi esclamative. Nacque un nuovo gusto per le asperità e le irregolarità. Rousseau fu importantissimo per definire il gusto romantico, già a metà del XVIII secolo. Ritornò lo schema della natura come proiezione dello stato d’animo. Importante carattere dell’eroe romantico è il solipsismo (cioè l’atto di stare da soli e chiusi in se stessi) perché egli non ama la conversazione e la vita mondana. Per indicare queste manifestazioni letterarie viene utilizzata la categoria del preromanticismo. Furono preromantici Rousseau, Goethe, Schiller, Foscolo e molti altri. Secondo alcuni studiosi il preromanticismo non è altro che un’espressione dell’Illuminismo. Lo studioso Petronio criticò la creazione di questa categoria. Le sensibilità cupe dei romantici sono legate a delle delusioni storiche. Per esempio il romanticismo è legato alla rivoluzione francese e al grande fallimento dell’Illuminismo. Allo stesso modo, la sensibilità preromantica era legata all’ansia che era generato negli artisti dal crollo dell’Ancien régime, che era un’organizzazione che regolava da tempo la società e la vita dei cittadini.

Registrati via email