Ominide 2147 punti

Parini: ideologia e poetica

Un illuminista moderato
Grazie al contatto con riformisti milanesi come Verri, Parini fu un intellettuale informato sulle novità e sui fermenti culturali che arrivavano dalla Francia, ma mantenne un atteggiamento prudente, mescolando adesione e critiche. Parini condivideva la teoria di Rosseau che sosteneva uguaglianza degli uomini, nonostante le differenze di classe. Aderì anche ai convincimenti dell’umanesimo, per cui l’uomo deve avere sentimenti di fraternità e di bontà.
Parini accettò dall’illuminismo la lezione del rinnovamento civile e della dignità di tutti gli uomini, ma, fedele alla sua educazione e convinzione religiosa, respinse atteggiamenti antiecclesiastici, materialismo e libertinismo, orientati alla ricerca del piacere più che del bene. Di segno illuminista sono l’apprezzamento per i progressi scientifici, la condanna delle guerre di religione e i metodi dell’inquisizione.

Il giudizio nei confronti della nobiltà
Nel Dialogo sopra la nobiltà, Parini giudicava negativamente la degenerazione della nobiltà, arrogante e vuota. Non ne metteva in discussione l’esistenza, anzi, assunse un ruolo di educatore poiché riconosceva nella nobiltà un compito fondamentale nella società.
A differenza degli illuministi, Parini non puntava nell’opposizione tra borghesia ed aristocrazia, ma, attraverso la satira e la poesia civile, cercava di riportare l’aristocrazia alla funzione alla quale era destinata.

La posizione nei confronti della scienza
Ne “L’innesto del vaiolo”, Parini celebra la scoperta della vaccinazione contro il vaiolo, elevando un inno all’importanza delle scoperte scientifiche e mediche. Soprattutto nella prima stagione de le Odi riconobbe il valore della scienza e il suo importante ruolo nello sconfiggere pregiudizi, esprimendo una cultura moderna e unendo passione civile e poesia.

La doppia finalità della poesia
Nel Discorso sopra la poesia, Parini difese la funzione sociale della poesia contro chi la riteneva un’attività fine a se stessa, volta allo svago. Sebbene poesie e letteratura ricoprono un importante ruolo educativo, Parini afferma che la loro essenza è autonoma e consiste nel soddisfare l’aspirazione al bello negli esseri umani e nel destare nel lettore sensazioni piacevole.

E’ influenzato dal sensismo: poesia come imitazione dell’arte e veicolo di sensazioni piacevoli e contenuti educativi

E’ influenzato da Orazio: poesia come strumento di trasmissione di argomenti utili con forte eleganti e armoniche.

Registrati via email