Stranieri: stop alle classi ghetto

Stop alle classi con troppi stranieri. Lo dice la Gelmini, che ha stabilito per il prossimo anno un "tetto del 30% per gli alunni stranieri nelle classi, si parte dal 2010-2011 dalle classi prime di elementari, medie e superiori". Il limite previsto entrerà in vigore in modo graduale: verrà infatti introdotto a partire dalle classi prime sia della scuola primaria sia della scuola secondaria, di primo e di secondo grado.

NOTA DEL MINISTRO - La direttiva è contenuta in una nota pubblicata oggi dal Ministero, in risposta al problema sempre più caldo dell'integrazione fra gli studenti stranieri e quelli italiani all'interno della scuola italiana. Niente più classi-ghetto, formate quindi da soli stranieri, ma un insieme bilanciato per favorire l'integrazione.

PROBLEMA DIDATTICO E NON DI RAZZA- Il problema della convivenza tra italiani e stranieri principalmente è legato alla didattica, in particolar modo alla lingua italiana. Se in una classe la maggioranza degli studenti non comprende ciò che sta spiegando l'insegnante, evidentemente la didattica si rallenta perché bisogna provvedere al recupero del deficit linguistico. Infatti il tetto del 30% può variare proprio in funzione di questo fattore: questo limite potrà essere abbassato se in una classe ci sono alunni stranieri con adeguate competenze linguistiche o alzato nel caso contrario.

MORE ITALIAN - A dimostrazione che si tratta di un problema linguistico più che di razza, il regolamento di riordino del I ciclo prevede, infatti, che nella scuola secondaria di I grado (scuola media) una quota di ore di insegnamento della seconda lingua comunitaria possa essere utilizzata per potenziare l’italiano per gli alunni stranieri.

GELMINI PENSIERO - “I nostri istituti sono pronti ad accogliere tutte le culture e i bambini del mondo. Alla stesso modo la scuola italiana deve mantenere con orgoglio le proprie tradizioni storiche e insegnare la cultura del nostro Paese. L’inserimento, ad esempio, dell’educazione alla cittadinanza va proprio in questa direzione: insegnare il rispetto per le altre culture e affermare contemporaneamente l’importanza delle regole civili, della storia, delle leggi e della lingua italiana. Una indispensabile condizione questa per realizzare una vera integrazione.

NO AI GHETTI - "Stabilire un tetto del 30% di alunni stranieri per classe – ha aggiunto il ministro Gelmini - è un modo secondo me utile per favorire l’integrazione, perché grazie a questo limite si evita la formazione di “classi ghetto” con soli alunni stranieri.

I bambini stranieri devono essere inseriti nelle classi con i bambini italiani per evitare, come accade in molte città, che si formino scuole e classi composte solo da stranieri"

SI ALLE CLASSI DI INSERIMENTO - Oltre al tetto, inoltre, dovrebbero essere previste classi di inserimento di durata limitata per poter insegnare la nostra lingua a chi è appena arrivato in Italia ad un livello sufficiente per non sentirsi in difficoltà con i coetanei. Questi momenti di inserimento si svolgeranno sia la mattina che il pomeriggio.

E tu cosa ne pensi di questa novità? Dì la tua commentando la news

Commenti
Skuola | TV
Skuola Tv

Sesso sicuro, come proteggersi? Tutte le risposte nella prossima puntata della Skuola | Tv!

7 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta