La pedofilia è...a portata di click!

Alex Menietti
Di Alex Menietti

"La pedofilia è una forma di devianza sessuale che consiste nell'attrazione sessuale da parte di un soggetto sessualmente maturo nei confronti di soggetti che invece non lo sono ancora, cioè in età pre-puberale, ossia bambini o preadolescenti non ancora sviluppati fisicamente. Benché non ci sia un limite d'età ben preciso, perché esso varia da persona a persona e da cultura a cultura, nel mondo occidentale tale limite oscilla generalmente tra i 12 e 15 anni". Questa è la definizione che Wikipedia assegna al termine "pedofilia". Ne abbiamo sentito parlare molte volte, crediamo di non poterne essere coinvolti in alcun modo, ci fa paura ma non ci pare ci tocchi da vicino.

Proprio per questo motivo la nostra redazione si è mossa per controllare il fenomeno. Con la compagnia di Mary, ragazzina quindicenne, ci siamo iscritti a diversi social network. Ecco cosa ne è emerso.

IL PRIMO TENTATIVO - Come primo tentativo, Mary si è iscritta a un social network locale, che copre solo una provincia italiana. Qualche minuto ed il profilo di Mary è completo: nome, città di residenza, età, indirizzo mail e un paio di foto per farsi vedere dalle amiche. Passano pochi minuti ed arriva il primo messaggio privato. "Sarai pure piccolina ma sei semplicemente bellissima, un bacio". Perbacco, che velocità! L'età del ragazzo non è visibile, così Mary gliela chiede. "Se tu cerchi ciò che cerco io - risponde lui - non sei troppo piccola". La chiacchierata prosegue, e il ragazzo dopo pochi minuti si fa più esplicito: "ti vorrei ma non si può". Mary allora gli chiede cosa intende. "Il senso immaginalo tu...si ma tu hai già avuto certe esperienze?". Se non si fosse capito prima, il riferimento al sesso ora è pressochè esplicito. Mary risponde dicendo che ha già avuto un ragazzo e, rincuorato da questa notizia, l'amico di chat risponde: "Allora quando posso passare a rapirti?". Mary sposta intelligentemente il discorso su altri temi, riuscendo a scoprire dopo un po' l'età di questo ragazzo. Ha 26 anni, ben 11 più di lei. Scoperta la sua età, Mary lo saluta. Non vuole avere a che fare con ragazzi tanti più grandi di lei.

La possibilità di conoscere nuova gente si ripresenta all'istante. Un secondo ragazzo contatta la nostra complice, chiedendole i suoi hobby: "Mi piace uscire con le amiche ed andare in discoteca. E tu?", risponde Mary. "A me piace fare l'amore - dice lui - Non so se hai già avuto modo per farlo, comunque mi interessi e sei molto bella...ti darei un bacio sulla bocca...se lo vuoi". Come primo approcio di certo non è tra i più romantici. Questa volta, un po' intimorita, Mary dice di non aver mai avuto alcun rapporto. "Mi piaci e magari può avvenire anche la tua prima volta", risponde lui, orgoglioso della possibile conquista. Parlando, però, scopriamo che anche questo ragazzo ha 26 anni, e anche questo non avrebbe problemi ad avere rapporti con una quindicenne: "Mi basta stare bene con la persona", afferma. Anche questa volta Mary abbandona ogni speranza. Un altro ragazzo che vuole solo fare sesso, senza curarsi del fatto che sarebbe pedofilia. Intanto sono arrivate decine di altri messaggi privati: alcuni ragazzi fanno i complimenti per gli occhi o per il viso, altri lasciano subito i propri contatti. Sta di fatto, che in un modo o nell'altro, in questo primo social network Mary è stata approciata da diversi maggiorenni con più di 10 anni di differenza. Il primo tentativo può dirsi concluso negativamente.

IL SECONDO TENTATIVO - Molti ragazzi utilizzano abitualmente social network nazionali. E così, se un sito locale può essere soggetto a pochi controlli, di certo non lo sarà uno nazionale. Mary si registra allora su quest'altro sito. Nel profilo inserisce come età 99 anni, promettendosi di dire a ogni persona che la contatterà la sua vera età. Un, due, tre...ed ecco il primo messaggio che arriva! "Ciao, sono in cerca di amicizie. Che fai di bello nella vita?". Come promesso Mary include la sua età nel messaggio: "Studentessa, ho 15 anni". "Ma no come 15 anni - risponde lui - Vabbè dai sono troppo sfigato!! [...] Però se conosci una dai 18 anni in su libera io sono qui". Simpatico, e molto corretto. Aveva poco più di 18 anni, ma non era interessato ad una ragazza minorenne.

Scrivono tantissime persone in privato, chi ventenne, chi trentenne, chi addirittura quarantenne: però le discussioni restano sul vago, e non arriva nessuna proposta esplicita. E' così anche per un professore universitario di 58 anni, di cui non diciamo volutamente nome, disciplina d'insegnamento ed ateneo. Anche lui ha scritto a Mary, parlando un po' con lei in chat, e ripetendole più volte che è "un bel tipino" e, più tardi, che è "un tipo interessante". Mary non alimenta mai questi colloqui virtuali e così, dopo un po', il professore le dà il proprio numero di cellulare. Le chiede di chiamarlo per sentire la sua voce. Mary abbandona anche questa persona, non le interessa di certo un quasi sessantenne!
Poco dopo arriva un nuovo messaggio privato. "Lo vuoi vedere?". "Cosa?", risponde ingenuamente Mary. Lui le lascia il suo contatto messenger e così, dopo poco, si sentono tramite un apposito programma di chat: "Ciao, cosa intendevi?", chiede ancora Mary. Lui accende la sua webcam e Mary rimane scandalizzata. Dall'altra parte vede un ragazzo nudo che si tocca il pene. "Ma tu sei maggiorenne?", chiede la nostra complice. "Si, e tu?", risponde lui. "No, ho 15 anni". Ma il ragazzo non pare preoccuparsene. Continua a masturbarsi e chiede a Mary apprezzamenti di quello che sta vedendo.

Mary ha 15 anni, è immersa ancora nel mondo delle favole. Non voleva aver ancora a che fare con il sesso. Desiderava solo parlare con le amiche e conoscere qualche coetanea per condividere su internet qualche passione e qualche chiacchierata. Ma a causa di qualche pedofilo questo suo desiderio non si può avverare.

Per la cronaca, Mary s'è poi cancellata da entrambi i siti. Parlare di pedofilia online può sembrare strano, perché ognuno di quei ragazzi era comunque su un altro computer, in un'altra città. Ma pensate se Mary fosse mai stata così ingenua da uscire con loro o dire dove abita realmente... Il suo mondo delle favole, in tal caso, si sarebbe ben presto trasformato in un trauma che l'avrebbe allontanata dal sesso per diversi anni, con forse la necessità poi anche dell'intervento di psicologi e psichiatri per poter vivere la sua vita tranquilla. Il sesso è un momento bellissimo da vivere, ma alla giusta età e con la persona giusta. Non a quindic'anni con la prima persona trovata su internet.

Commenti
Skuola | TV
Ogni ragazzo è speciale!

'Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali' questo e molto altro nella prossima puntata della Skuola Tv!

14 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta