Istituti tecnici - Orari e novità

Cristina Montini
Di Cristina Montini

Istituti tecnici: per capirne un po' di più

I nuovi istituti tecnici si propongono di rafforzare la cultura scientifica e tecnica attraverso una maggiore attenzione verso lo studio della matematica, verso le scienze e le tecnologie. Inoltre, così come accade anche per licei ed istituti professionali, con la riforma dell’istruzione superiore si è deciso di rafforzare la conoscenza della lingua inglese prevedendo addirittura la possibilità di introdurre, da parte degli istituti scolastici, l’insegnamento di 1 disciplina tecnica in lingua inglese.

Orario

Ogni percorso di studi dura cinque anni suddivisi in due bienni e un quinto anno; gli insegnamenti si suddividono in un’area generale comune e in aree di indirizzo specifiche. Le ore settimanali di lezione saranno 32 anziché 36 come accade oggi, ma avranno una durata più lunga, cioè saranno di 60 minuti e non più 50 (orario ora vigente nella maggior parte delle scuole). Questo, a conti fatti, permetterà di passare dalle attuali 990 ore annue effettive di lezione a 1.056 ore di lezione l’anno.

Autonomia, flessibilità e opzioni

Ad ogni scuola viene affidato un certo margine di autonomia (20%) e di flessibilità (30% nel secondo biennio e 35% nel quinto anno). Sì, ma che significa questo?

Le quote di autonomia (come del resto accade già oggi) sono quegli spazi che gli istituti tecnici possono occupare (nei limiti della loro disponibilità di bilancio) organizzando altre attività o lezioni facoltative che gli studenti, appunto, possono scegliere o meno di frequentare, ma una volta scelte, queste attività devono essere seguite obbligatoriamente e concorrono alla valutazione complessiva. Il limite del 20% viene calcolato in relazione all’orario complessivo delle lezioni e il loro scopo è quello di arricchire l’offerta formativa.

Le quote di flessibilità, invece, hanno lo scopo di soddisfare particolari esigenze del territorio, del mondo del lavoro e delle professioni” e che, si specifica nel regolamento, devono essere opportunamente “documentate”. Questo significa che un istituto tecnico può decidere di articolare un indirizzo di studio in modo differente rispetto a quanto previsto dal regolamento di riordino, e questo lo può fare inserendo delle opzioni, se queste non sono già previste (rispettando sempre il limite del 30-35%, che corrispondono a 168 ore nel secondo biennio e 196 nel quinto anno), oppure può modificare le opzioni già presenti.

Le nuove opzioni, però, possono essere inserite solo se:
1) coerenti con il profilo professionale dell’indirizzo di studi;
2) comprese entro le quote di flessibilità (30% e 35%);
3) contenute in un apposito elenco nazionale, aggiornato ogni 3 anni (elenco che al momento non è ancora stato compilato).

Che fine fanno tutti gli altri indirizzi?

Tutti gli attuali corsi confluiranno nel nuovo ordinamento come si può notare dalle tabelle di confluenza.

Differenze importanti tra corsi di studio studio che ad un primo approccio potrebbero apparire molto simili tra loro

> Istituto tecnico del settore tecnologico VS Liceo scientifico-tecnologico

Istituto tecnico del settore tecnologico:
Negli istituti tecnici del settore tecnologico lo studio della scienza e della tecnologia permette di acquisire una cultura generale, importante per il proseguimento degli studi, ma allo stesso tempo fornisce anche specifiche competenze professionali correlate ai processi produttivi reali, collegati all’economia e al lavoro. E proprio perché rispondono alle esigenze del mondo produttivo, tali competenze offrono anche immediate opportunità di occupazione.

Liceo scientifico-tecnologico:
L’opzione scientifico-tecnologica del liceo scientifico è finalizzata a un approfondimento culturale della scienza e la padronanza dei suoi metodi, con particolare riferimento alle scienze sperimentali. Offre, quindi, un’ampia cultura generale di tipo scientifico completata dall’insegnamento “Informatica e Sistemi”. Per cui questa opzione è, quindi, prevalentemente orientata alla prosecuzione degli studi a livello universitario.

> Istituto tecnico Settore economico – Amministrazione, finanza e marketing VS Liceo delle scienze umane – Opzione economico-sociale

Istituto tecnico Settore economico – Indirizzo “Amministrazione, finanza e marketing”:
Lo scopo di questo corso di studi è formare persone che operino nel governo dei sistemi aziendali con riferimento a previsione, organizzazione, conduzione, gestione e controllo, e che siano capaci di operare nel sistema informativo dell’azienda e contribuire sia alla sua innovazione sia al suo adeguamento organizzativo e tecnologico.

Liceo delle scienze umane – Opzione economico-sociale:
Gli studenti, attraverso questo coro di studi imparano a cogliere nessi ed interazioni tra le diverse scienze sociali (storia, diritto, economia, sociologia, antropologia, psicologia, ecc.) e ad individuare e utilizzare le categorie utili per la comprensione dei fenomeni culturali e sociali contemporanei.

Iscriviti alla nostra Newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime novità. Clicca qui per iscriverti!

Commenti
Skuola | TV
Ogni ragazzo è speciale!

'Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali' questo e molto altro nella prossima puntata della Skuola Tv!

14 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta