Orientamento superiori: perché scegliere (o non scegliere) un liceo

perché scegliere un liceo

Scegliere la scuola superiore è un momento importante per voi ragazzi di terza media: per questo è importante pensarci per tempo e cominciare ad immaginare chi vorreste diventare nel futuro. Un medico? Uno scienziato o un giornalista? O piuttosto uno chef o uno stilista? Non è troppo presto per pensarci, perché anche l'indirizzo di studi delle scuole superiori potrà darvi una mano a realizzare i vostri sogni. Ad esempio, i licei sono da sempre la via preferenziale per le università, mentre gli istituti tecnici e professionali possono aprire prospettive a chi vuole lavorare fin da subito, ed in questo momento complicato per il mondo del lavoro, sono molti coloro che scelgono un percorso tecnico o professionale per questo motivo. Infatti, è più difficile che coloro che escano dai licei riescano a trovare lavoro subito dopo il diploma, ma esistono comunque dei buoni motivi per scegliere un indirizzo liceale: scopriamoli insieme.

Università primo sbocco del liceo

L'impostazione generale ed il metodo di studio che si acquisiscono al liceo è molto utile a chi farà l'università, sia per superare i test di ingresso, sia per affrontare il percorso di studi. Soprattutto se l'indirizzo scelto è coerente. La maggior parte di chi passa il test di Medicina, ad esempio, ha un diploma di liceo. Secondo i dati AlmaDiploma 2015, l’89% dei diplomati 2015 nei licei classici, l’83% dei diplomati scientifici e il 75% dei linguistici intendono solo studiare all'università, senza lavorare. Anche fra gli studenti del liceo delle scienze umane la propensione è elevata (67%).

Liceali: dopo il diploma non si lavora

Non sono altrettanto fortunati, però, coloro che provengono dai licei e vogliono trovare subito un lavoro. La maggior parte di coloro che trovano un impiego subito dopo la scuola, proviene dai professionali.

Posizioni privilegiate post laurea

Ma non necessariamente un ragazzo deve avere la priorità di lavorare subito dopo il diploma: continuare gli studi, infatti, può aprire posizioni privilegiate una volta laureati. Per questo, già da adesso, è importante cominciare a pensare a ciò che volete fare da grandi: se avete un sogno, lavorate e studiate duramente per perseguirlo. Se un giorno, ad esempio, volete diventare scienziati, il liceo scientifico, seguito dalla laurea in chimica, fisica, biologia o biotecnologia è sicuramente una buona scelta. Forse entrerete nel mondo del lavoro più tardi, ma una volta laureati potreste guadagnare di più sul lungo periodo rispetto ai diplomati.

Non solo letteratura o matematica

Sicuramente, ciò che non dovete fare è lasciarvi guidare da alcuni pregiudizi. Ad esempio, se avete la passione per la letteratura, non dovete per forza scegliere il liceo classico: sia il linguistico che lo scientifico, infatti, prevedono ore di letteratura italiana. In più il greco e il latino sono materie che richiedono uno studio molto tecnico.

Il post diploma non è obbligato

Se poi siete bravissimi a scuola, ma appassionati di tutt'altro, non dovete per forza scegliere un liceo, ma potete orientarvi verso un tecnico o un professionale senza che le vostre potenzialità siano per questo sciupate. Infatti, come offerta post-diploma, ci si può specializzare ancora attraverso un ITS, Istituto Tecnico Superiore, che forma professionisti di altissimo livello. E chi vi impedirebbe, comunque, di fare in seguito l'università?


Carla Ardizzone

Commenti
Skuola | TV
Ogni ragazzo è speciale!

'Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali' questo e molto altro nella prossima puntata della Skuola Tv!

14 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta