Libri di testo, Miur raddoppia i fondi

ADOZIONE LIBRI DI TESTO – E’ tempo di vacanze ma è anche il momento di iniziare a pensare all’avvio del prossimo anno scolastico. In tutta Italia infatti impazzano i mercatini dei libri di testo usati. Perché? Perché la crisi incombe e, per risparmiare, gli studenti le provano tutte. Compresa la ricerca di libri scolastici online. Ma quest’anno, in controtendenza con spending review e austerity, il ministero della pubblica istruzione ha sferrato un’offensiva degna di nota. Di fatto sono stati raddoppiati i fondi destinati alle famiglie meno abbienti. Ma vediamo nel dettaglio quali e quante risorse sono a disposizione dei ragazzi.

LIBRI SCOLASTICI 2014-2015 – Con un decreto del dipartimento per l’istruzione, il ministero ha ufficializzato per l’anno scolastico 2014 2015 lo stanziamento di “103.000.000 euro, ai fini della fornitura dei libri di testo in favore degli alunni meno abbienti delle scuole dell’obbligo e secondarie superiori, per il corrente esercizio finanziario 2014”. Un’ottima notizia, soprattutto se confrontata con la somma stanziata 12 mesi fa pari a 53.560.000 euro.

DIRITTO ALLO STUDIO – Come saranno distribuiti fondi? I 103 milioni di euro saranno suddivisi tra scuole superiori e obbligo scolastico rispettivamente per 77.250.000 euro e 25.750.000 euro.

CHI NE HA DIRITTO? - Ad usufruire dei fondi per acquisto o comodato d’uso dei libri di testo per la scuola media e la scuola superiore (per le scuole primarie i testi scolastici sono gratuiti per tutti), saranno tutti quei ragazzi le cui famiglie hanno un reddito disponibile netto inferiore a 15.493 euro annui. Secondo le stime del Miur si tratta di 212.827 ragazzi delle superiori e 434805 tra medie e biennio dell’obbligo: poco meno di 650mila ragazzi. Sostanzialmente il numero degli aventi diritto sono gli stessi dell’anno scolastico 2013 quando erano 213.161 delle superiori e 434042 dell’obbligo scolastico. Le famiglie potranno rivolgersi alle singole scuole per conoscere i dettagli della procedura e ricevere i finanziamenti.

QUANTI LIBRI? – Proviamo a quantificare la portata di uno stanziamento simile: considerando che il Miur ha disposto 103 milioni di euro e potranno usufruirne 650mila studenti, si tratta di 160 euro circa a testa. Vale a dire, mediamente, 8 libri da 20 euro ciascuno.

FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’ – Secondo i dati ministeriali le famiglie con un reddito netto inferiore ai circa 15mila euro previsti dal decreto sono concentrate soprattutto nelle regioni del Sud: in Sicilia avranno diritto ai finanziamenti il 30% delle famiglie, in Basilicata il 26% e in Campania il 25%. Tra le regioni con meno famiglie in difficoltà spicca l’Emilia Romagna con un 7%.

Lorena Loiacono

Commenti
Skuola | TV
Skuola Tv

Sesso sicuro, come proteggersi? Tutte le risposte nella prossima puntata della Skuola | Tv!

7 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta