Emergenza matematica

La matematica è una emergenza didattica nazionale, necessario aprire una riflessione su apprendimento e didattica della materia. Ragazze più brave dei ragazzi. Aumentano i promossi agli scrutini.

DATI UFFICIALI - E' quanto rende noto il ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, Mariastella Gelmini, commentando i risultati dell'anno scolastico appena concluso. Questi i dati ufficiali ma non ancora definitivi: Promossi, 59,4%; Giudizio sospeso, 26,9%; Non ammessi, 13,7%.
"Dopo quasi 15 anni - ha aggiunto Mariastella Gelmini - si ritorna a studiare d'estate per recuperare le insufficienze. Studiare a luglio e agosto non è certo piacevole per gli studenti ma contribuisce a dare un po' di serietà e credibilità alla valutazione degli studenti nella scuola italiana".

1+1=3? - "Si deve purtroppo prendere atto che la matematica costituisce, per la scuola italiana, un'autentica emergenza didattica. Il problema accomuna gli studenti dell'intera penisola, senza distinzione di sesso, tipologia di scuola o dislocazione geografica. Forse è il momento di chiedersi se non siano necessarie la ricerca e l'applicazione di nuove metodologie d'insegnamento. Dovremo porci - conclude Gelmini - la stessa domanda anche riguardo allo studio delle lingue straniere, la seconda più grave lacuna dei nostri ragazzi".

MATEMATICA E LINGUE - La matematica, ma anche le lingue straniere, sono lo spauracchio degli studenti, provocando una situazione di ''emergenza didattica nazionale'', con il 45,7% ammessi con ''debito''. E' quanto si evince dai risultati (''quasi definitivi'') degli scrutini resi noti dal ministero Istruzione, Universita' e Ricerca, da cui emerge un aumento (+10%) dei promossi.

Ecco la situazione settore per settore.

- MATEMATICA: La materia in cui gli studenti di tutta Italia incontrano le maggiori difficolta' e', infatti, la matematica, anche tenendo conto che si tratta di una tra le discipline piu' presenti nei diversi corsi di studi: il 45,7% dei ragazzi ammessi con giudizio sospeso all'anno scolastico successivo dovra' dimostrare di aver superato l'insufficienza in questa disciplina. Da notare che - rileva Viale Trastevere - rispetto all'anno scorso, in cui c'era il 43,1% degli studenti ammessi con debito in matematica, c'e' stato un ulteriore aumento di 2,6 punti percentuali.

- ALTRE CRITICITA': Dopo la matematica la materia piu' ostica per gli studenti e' la lingua straniera. Il 30,6% degli studenti ammessi all'anno scolastico successivo con giudizio sospeso ha avuto un debito formativo in lingua o in letteratura straniera; seguono le altre discipline scientifiche (fisica, chimica, biologia etc.) col 23,6%; infine l'italiano con il 14% (percentuale rimasta stabile rispetto al 14,5% del 2007).

- AUMENTO PROMOSSI AGLI SCRUTINI: Promossi: 59,4%; Giudizio sospeso: 26,9%, Non ammessi: 13,7% Aumentano i promossi (confrontando il dato con quello relativo agli alunni ammessi senza debito lo scorso anno) alla classe successiva: e' quanto emerge dalle rilevazioni effettuate dal Ministero sugli scrutini finali della scuola secondaria di secondo grado e sui risultati relativi agli esami di Stato 2007-2008. Le promozioni sono aumentate del 10% rispetto allo scorso anno, un ''dato che potrebbe significare come il sistema del recupero dei debiti formativi abbia innescato un meccanismo virtuoso che ha responsabilizzato gli studenti. Ma una valutazione finale potra' essere fatta solo a settembre con i dati definitivi''.

[newpage]

- SCUOLA SECONDARIA: Gli studenti della scuola secondaria di secondo grado promossi quest'anno sono stati il 59,4% del totale; l'anno scorso, invece, gli studenti ammessi senza debito alla classe successiva erano il 49,8%. Un reale confronto dei dati con l'anno scolastico 2006-2007, comunque, sara' possibile solo a settembre, quando gli studenti con giudizio sospeso, che quest'anno sono il 26,9% (quelli ammessi con debito erano il 36%), saranno giudicati nella valutazione finale, dopo aver seguito i corsi di recupero estivi.

- ISTITUTI TECNICI CON PIU' DEBITI: Sono gli istituti tecnici quelli in cui ci sono piu' alunni con giudizio sospeso (il 30% del totale), mentre nel 2007 gli alunni degli istituti tecnici con debito alla fine dell'anno erano il 38,9%.

- MEGLIO IL LICEO CLASSICO: La scuola con meno studenti con giudizio sospeso e' il liceo classico (21,2% del totale), mentre nella stessa tipologia di scuola l'anno scorso il 28,9% aveva riportato il debito.

- GIUDIZI SOSPESI: Tra i ragazzi con giudizio sospeso, quelli che dovranno dimostrare di aver superato una sola insufficienza sono il 39,3%, i ragazzi con debiti in due discipline, invece, sono il 35,3%, mentre gli alunni con tre o piu' insufficienze sono il 25,4%.

- I BOCCIATI: Per adesso, comunque, i ragazzi bocciati sono il 13,7%, mentre i non ammessi alla classe successiva alla fine dell'anno scolastico 2006-2007 erano il 14,2%.

- DOVE SI STUDIA DI PIU': Le tipologie di scuola in cui si sono avuti piu' successi sono il liceo classico, con il 73,2% dei promossi senza debito, con un aumento di 7,9 punti percentuali rispetto all'anno precedente, e il liceo linguistico, anch'esso con il 73,2% (anche qui si e' avuto un aumento dei promossi senza debito del 10,5%). Segue il liceo scientifico con il 68,4% degli ammessi all'anno successivo, con un 7,8% in piu' di promossi.Gli istituti professionali, invece, si confermano una delle tipologie di scuola in cui ci sono meno promossi; meno della meta' dei frequentanti (il 48,2%), infatti, e' stato promosso senza debito. In ogni tipologia di scuola superiore, i passaggi piu' critici risultano essere il primo ed il terzo anno. In queste due classi il maggior numero di studenti non viene promosso.

- LA SITUAZIONE NELLE REGIONI: la maggiore concentrazione di ragazzi promossi e' in Calabria, a fronte del primato delle bocciature di Veneto e Friuli-Venezia Giulia.

Commenti
Skuola | TV
Skuola Tv

Sesso sicuro, come proteggersi? Tutte le risposte nella prossima puntata della Skuola | Tv!

7 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta