Droga a scuola

Cristina Montini
Di Cristina Montini

La diffusione di droghe, alcol e tabacco tra i giovani e i giovanissimi desta preoccupazioni sempre maggiori sia per la dimensioni che il fenomeno sta assumendo sia per le devastanti conseguenze fisiche che l’uso di queste sostanze comporta. E così, crescono le angosce dei genitori, ma anche l’impegno delle istituzioni per prevenire e risolvere questo problema.

A SCUOLA DI...FUMO - A volte sono proprio le scuole il luogo preferito per lo spaccio e il consumo di stupefacenti: si pensi al tipico bagno della scuola superiore italiana, dove, nonostante il divieto di fumo, permane una impenetrabile coltre derivata dalla combustione di tabacco e altre erbe aromatiche non meglio precisate e di sicuro illegali. Ma non solo, in alcuni casi i pusher si annidano nelle scuole stesse e dintorni: è notizia dell'altro giorno l'arresto di due spacciatori nordafricani trovati in possesso di hashish destinata agli studenti in partenza per le gite scolastiche!

SCUOLA, L’ANTIDOTO PER LA DROGA - Ovviamente la scuola può svolgere un ruolo importante per aiutare i ragazzi a non cadere nel vortice della dipendenza da queste sostanze. La scuola, infatti, non è solo il posto dove si studia italiano, storia o matematica, ma è – o dovrebbe essere – un luogo di incontro dove poter socializzare e riuscire a comunicare i modo sereno con gli altri, dove condividere i problemi e imparare ad affrontarli. È anche attraverso la scuola che i ragazzi possono acquisire un senso di responsabilità e di consapevolezza delle proprie azioni che li renda capaci di stare lontani da sbagli che potrebbero costare loro molto cari.

DRUG.FREE.EDU - Ed ora la scuola ha a disposizione uno strumento in più per assolvere questa importate funzione. Si tratta di un nuovo portale internet, DrugFree.Edu, messo in campo dal Ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini e dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alla lotta alle droghe, Carlo Giovanardi. Il sito è molto utile per chi sente parlare spesso di droga, la vede girare sottobanco tra le mani degli amici, o tra le proprie, ma in fondo non ha idea di cosa si nasconde dietro di essa. Il portale, infatti, fornisce una ricca raccolta di documenti, video, notizie, materiale interattivo e testimonianze che informano sulle caratteristiche delle droghe, i loro effetti e le loro conseguenze.

INFORMAZIONE EFFICACE - Non si tratta di un sito perbenista che cerca di inculcarvi belle parole e facili prediche. Tutto quello che troverete è una presentazione chiara e di rigore scientifico su tutto ciò che ruota intorno alle droghe: schede informative sulle varie tipologie di sostanze stupefacenti, pubblicazioni scientifiche, consigli e video interessanti. Lo scopo non è quello di persuadere le persone, semplicemente a parole, a fare la cosa giusta, piuttosto è quello di far capire loro ciò che realmente accade quando si assumono droghe o alcol, di esporre in modo semplice, chiaro, ma allo stesso tempo incisivo, il significato della dipendenza e fare in modo che ognuno di noi sa in grado di decidere consapevolmente ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

VIDEOCONFERENZE - È previsto, inoltre, un sistema di videoconferenza facilitata per collegare a distanza varie scuole tra loro e metterle in comunicazione con un esperto: il servizio si chiama "Drug expert link" ed è gratuito.

CERVELLO: NON BUTTIAMOLO VIA! - Comunque, tra le cose che ci hanno colpito di più, sicuramente c’è quella di vedere la differenza tra un cervello sano ed uno il cui “padrone” ha fatto uso di droghe: abbiamo capito che il detto “ti sei fumato il cervello” non è uno scherzo!

GIOVANI E VULNERABILI - Il portale DrugFree.Edu si rivolge principalmente ai giovani e alle scuole anche se è pur vero che il problema della droga è talmente diffuso da non riguardare solo l’ambito scolastico. Tuttavia i giovani sono i più vulnerabili alle droghe per il fatto che il loro cervello è in piena fase di sviluppo e ciò comporta una minore capacità di controllo degli impulsi esterni e una scarsa capacità di giudizio. Questo però non vi giustifica! Essere consapevoli delle proprie azioni si può anche da giovani!

Commenti
Skuola | TV
Skuola Tv

Sesso sicuro, come proteggersi? Tutte le risposte nella prossima puntata della Skuola | Tv!

7 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta