Auguri Jonas Salk, eroe di milioni di bambini

francesca_fortini
Di francesca_fortini

 Auguri Jonas Salk, l'eroe di milioni di bambini

Non tutti sanno di cosa si tratta, quando si parla di poliomielite. O perlomeno non ne hanno piena coscienza e non ne intuiscono la drammaticità. Fino al 1955, invece, purtroppo, nessuno poteva ignorare gli effetti devastanti di questo virus, che costringeva a vivere nel terrore di un’epidemia. Il dato più inquietante, poi, è che questa malattia colpiva principalmente bambini, uccidendoli o rendendoli invalidi. Ecco la storia dell’uomo che, grazie al suo lavoro, ha sconfitto un mostro e ci ha salvato la vita.

IL MOSTRO DELLA POLIOMIELITE – Una malattia virale, altamente contagiosa, solitamente trasmessa per via orale. Un’infezione che colpisce il sistema nervoso, deforma i muscoli e paralizza. Per anni il virus si diffuse in seguito a numerose epidemie, restando un mistero per medici e ricercatori, che non riuscivano a capirne il meccanismo. Tra i malati “famosi”, ad esempio, possiamo ricordare la pittrice Frida Kalho e il presidente degli Stati Uniti Frenklin Delano Roosvelt.

GRAZIE JONAS SALK - Nel 1938 nacque la National Foundation for Infantile Paralysis, che sarebbe diventata la principale risorsa per il finanziamento della ricerca grazie alle numerose donazioni. Proprio a questa fondazione si unì Jonas Salk e, in questo contesto, realizzò il vaccino che, da quel momento, avrebbe salvato generazioni di bambini. Un vaccino che sperimentò su se stesso e sulla propria famiglia, fino al 1955, anno in cui fu dichiarato funzionante e sicuro.

PATRIMONIO DELL’UMANITA’ – Quando gli fu chiesto chi fosse il proprietario del brevetto del suo vaccino, Salk rispose “Beh, la gente, direi. Non c’è nessun brevetto. Lei potrebbe forse brevettare il Sole?”.

Commenti
Skuola | TV
Ogni ragazzo è speciale!

'Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali' questo e molto altro nella prossima puntata della Skuola Tv!

14 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta