Bulli sospesi per un anno!

Nowitzki
Di Nowitzki

Stop al bullismo... per la prima volta sono state applicate, a Palermo, le nuove e più severe pene previste dalla legge anti-bullismo varata dal ministro Fioroni a Ottobre. Due studenti di 17 e 18 anni, sono stati sospesi dalle lezioni per un intero anno, rei di aver costretto un compagno disabile a picchiare un altro ragazzo durante un corso di recupero.

LA PENA - La decisione, precisa il consiglio d’istituto che l’ha emanata, non prevede la formale bocciatura dei due ma la prolungata assenza dalle lezioni, ne pregiudicherà sicuramente la preparazione. Uno dei docenti ha affermato al messaggero che e’ stata una decisione presa con amarezza, ma che davanti a un certo tipo di comportamenti, la scuola non può fare diversamente. Dal canto loro i due Bulli potranno ricorrere a un Consiglio di Garanzia per cercare di avere uno sconto sulla pena, anche se sembra obiettivamente difficile che i due la ottengano. La gravità del gesto, unita al fatto che questa è una sanzione esemplare che servirà da monito a tutti i bulli d’Italia, rende la posizione dei due davvero poco invidiabile.

IL PUNTO - Le storie di Bulli e di Bullismi vari sono ormai all’ordine del giorno. Basti pensare a quanto accaduto poco meno di un mese fa, quando un aspirante ballerino era stato malmenato per via della sua passione!
La prevaricazione delle libertà personali, ad opera di chi è più forte, è diventata una costante della vita di tutti gli studenti. Il dubbio non credo sia quello di capire se e’ giusto sospendere per un anno uno studente che si è macchiato di un simile comportamento.
Probabilmente un comportamento cosi ingiustificato meriterebbe pene anche più severe, qualcosa che tocchi davvero lo studente nel profondo. Obbligarlo per esempio a usare costantemente per un anno una sedia a rotelle, per capire come ci si sente a stare dalla parte del più debole. Magari riuscire a far entrare nella sua testa una minima idea di quanto sia già difficile vivere con un handicap senza che nessuno cerchi di complicare ulteriormente la situazione.
SENZA SPERANZA? - Togliere un anno di studio a una persona capace di un gesto così aberrante, forse è solo fargli un favore, regalargli un anno di vacanza. Il punto è che ognuno di questi episodi è la testimonianza che la scuola stessa ha sbagliato qualcosa, che forse il diritto allo studio, arrivati quasi alla maggiore età, non e’ qualcosa di automatico o un dono sceso dal cielo. Dopo 10 anni di scuola, si presume che almeno, se una persona non ha voglia di studiare, almeno capisca come si sta in società, come ci si integra. Se dopo tanto lavoro, tante ore, e tanti soldi sprecati, si è ancora ad un punto per noi così irrecuperabile, allora forse è il caso di gettare la spugna, di dire, bene, la scuola non è stata in grado di aiutarti, ora sei pregato di togliere il disturbo e lasciare almeno in pace coloro che hanno voglia di crescere.

L'OPINIONE - Questa e’ una posizione assolutamente dura, frutto di un profondo senso di frustrazione nei confronti di quella che sembra una vera involuzione nei comportamenti e nei modi di fare di alcuni esponenti delle nuove generazioni. Lasciamo ad altri l’analisi del perché più si va avanti e più l’inciviltà sembra prendere il sopravvento. Il nostro augurio è solo, visto che sembra non esserci argine alla stupidità di certi individui, che tutti gli altri riescano a emarginarli del tutto, e non esserne troppo condizionati.

E voi cosa ne pensate di questo episodio? Dite la vostra commentando l'articolo oppure partecipando alla discussione "Bullismo: le vostre storie!".

Commenti
Skuola | TV
Ogni ragazzo è speciale!

'Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali' questo e molto altro nella prossima puntata della Skuola Tv!

14 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta