Zuccheri e grassi

Sotto certi aspetti il corpo umano si può paragonare a una macchina che lavora e consuma. L’energia richiesta dal corpo in attività, specialmente dai muscoli, è dovuta alla combustione (lenta e senza fiamma) degli zuccheri e dei grassi.
Gli zuccheri sono sostanze organiche ternarie, costituite cioè da tre elementi chimici: carbonio, idrogeno e ossigeno.
Quasi tutti gli zuccheri sono solubili in acqua e hanno sapore dolce. Tra di essi:
- Quello che rende dolce l’uva matura e altri frutti, prende il nome di glucosio o zucchero d’uva;
- Quello contenuto in molti frutti e nel miele si chiama fruttosio;
- Quello contenuto nella barbabietola e nella canna da zucchero è il saccarosio (ogni giorno lo usi per dolcificare il caffè-latte);
- Quello che si trova nel latte è il lattosio, ecc.
L’amido è uno zucchero complesso che durante la digestione si trasforma in glucosio. Si trova nella farina dei cereali, della patata, ecc.; perciò il pane e la pasta sono cibi ricchi di amido.

Gli zuccheri sono il fattore energetico fondamentale dell’organismo umano. Si assimilano facilmente: anche un ammalato può bere con vantaggio qualche sorso d’acqua zuccherata. Gli alpinisti e tutti gli atleti traggono la loro energia principalmente da un elevato consumo di zuccheri.
I grassi sono anch’essi sostanze ternarie, formate cioè di carbonio, idrogeno e ossigeno. Differiscono, però, dagli zuccheri perché hanno un più elevato contenuto di carbonio e di idrogeno. È questa la ragione per cui i grassi sviluppano maggior quantità di calore e hanno quindi un valore energetico superiore a quello degli zuccheri.
I grassi rappresentano una preziosa riserva di combustibile per il nostro organismo: infatti quando gli zuccheri vengono a mancare, i grassi si trasformano in zuccheri. Inoltre i grassi servono da solventi per diverse vitamine: A, D, E, K.
Insolubili in acqua, i grassi devono subire complicate trasformazioni per essere utilizzati dall’organismo. Data la loro difficile digeribilità, conviene limitarne il consumo nell’alimentazione.
Alcuni grassi sono di origine vegetale: olio d’oliva, d’arachidi, di soia, di mais, di noce, ecc. Altri, invece, sono di origine animale: burro, lardo, ecc.

Registrati via email