Ominide 8039 punti

Le tre leggi di Mendel

La celebre pubblicazione di Gregorio Mendel rimase ignorata per oltre trent'anni, fino al 1900, quando tre illustri naturalisti misero nella giusta luce le scoperte dell'umile monaco e le denominarono leggi di Mendel, in onore del geniale scienziato.
1° legge: incrociando una pianta di piselli a semi gialli con una pianta a semi verdi, si ottengono piante che presentano tutte i semi gialli. In generale, incrociando due piante o due animali di razza pura, ma portatori di caratteristiche differenti, di ottengono, in prima generazione, figli ibridi, i quali tutti uniformemente manifestano uno dei caratteri dei genitori. Questo carattere che compare nei figli viene denominato carattere dominante; mentre quello che non si manifesta è detto carattere recessivo. Nel caso dei piselli, il colore giallo dei semi è un carattere dominante; mentre il colore verde è un carattere recessivo. E' questa la prima legge di Mendel, nota come legge dell'uniformità degli ibridi di prima generazione. Da essa risulta che i caratteri ereditari possono rimanere nascosti e non comparire nei figli.

II° legge: Incrociando, cioè facendo riprodurre fra loro, due ibridi di prima generazione, per esempio due piante di pisello della prima generazione, si ottiene una seconda generazione di figli ibridi i quali, nella proporzione statsticamente costante del 75% hanno semi gialli e per il 25% hanno semi verdi. In altre parole, il carattere recessivo che era rimasto nascosto negli ibridi di prima generazione ricompare negli ibridi della seconda generazione, nella proporzione del 25% E' questa la seconda legge di Mendel, nota come legge della disgiunzione, ossia della separazione dei caratteri. Essa spiega il riapparire nei figli dei caratteri recessivi, rimasti latenti anche per alcune generazioni.
III° legge: Incrociando due individui che differiscono per due coppie di caratteri, nella seconds generazione di figli compaiono individui diversi sia dai genitori della prima generazione che dai nonni. E' questa la terza legge di Mendel, nota come legge della indipendenza dei caratteri, perchè ognuno dei caratteri si comporta indipendentemente dagli altri. Essa riveste grande importanza pratica perchè consente agli agricoltori e agli allevatori di ottenere, mediante ibridazione, o mediante selezione, razze e varietà nuove di piante e di animali, con caratteri vantaggiosi per l'uomo. Così, ad esempio, dal grano,dal granoturco, dalle rose e da numerose altre specie di piante, l'uomo ha ottenuto varietà che si sono adattate agli ambienti più diversi per clima e per costituzione del terreno. E l'uomo ancora ho ottenuto razze di polli specializzate nella produzione della carne o dell uova, razze bovine specializzate nella produzione del latte o della carne, razze di pecore specializzate nella produzione della lana o della carne, ecc. La terza legge di Mendel, inoltre, fornisce una conferma scientifica alla teoria della evoluzione, perchè spiega in qual modo possano comparire organismi diversi dai genitori.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email