VIP 2446 punti

LA PREVENZIONE: DIFENDERSI CON LA VACCINAZIONE

L’azione preventiva più efficace e specifica è quella della vaccinazione,una pratica che risale alla fine del 1700.
Edward Jenner ,ascoltò un giorno una mungitrice che,parlando del vaiolo che mieteva vittime nei dintorni,affermò di non temerlo in quanto ‘’lo aveva già preso dalle vacche’’.
In effetti la donna aveva contratto il ‘’vaiolo-bovino’’,una malattia simile al vaiolo umano. Jenner pensò che si sarebbe potuta inoculare nell’uomo la sostanza presente nelle pustole delle vacche,per ottenere una protezione nel caso di un’epidemia di vaiolo umano.
Dopo 14 anni da questa prima intuizione,Jenner provò a inoculare il siero delle pustole in un bambino,al quale praticò due superficiali incisioni al braccio. Qualche giorno dopo il bambino ebbe un po’ di febbre e comparve qualche pustola nella zona dell’incisione. Un anno dopo Jenner si decise a compiere il passo più pericoloso: iniettò nello stesso bambino materia prelevata sa un uomo vaioloso e il piccolo,come previsto,non si ammalò.

Jenner aveva inventato la vaccinazione,una pratica consistente nell’inoculare microbi innocui,ma capaci di stimolare le naturali difese dell’organismo e quindi di proteggere da successivi incontri con microbi più pericolosi.
Dovettero però passare vari decenni perché alla prima vaccinazione ‘’anti-vaiolosa’’ ne seguissero altre.
Ci vollero gli studi di Pasteur perchè l'idea di Jenner venisse valorizzata appieno. Pasteur scoprì che i microbi responsabile di una certa malattia possono essere uccisi o ''attenuati'' nella loro virulenza pur mantenendo la loro capacità di suscitare le difese dell'organismo.
Oggi ogni paese obbliga i suoi cittadini a sottoporsi ad alcune vaccinazioni obbligatorie e ne consiglia altre.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email