VIP 2446 punti

LA PREVENZIONE: DIFENDERSI CON L’IGIENE

Il modo migliore per combattere i microrganismi è impedire che essi ci infettino provocando la malattia.
Questo tipo di lotta ai microbi che si attua prima che si sviluppi lo stato di malattia e addirittura prima dell’ingresso dei microbi si chiama prevenzione.
La prima forma di prevenzione è ovviamente l’igiene personale e degli ambienti in cui si vive: mantenersi puliti e vivere in ambienti senza sporcizia, ben aerati, illuminati, non umidi diminuisce le probabilità di incontrare microrganismi patogeni. In qualche caso la normale pulizia non basta: per affrontare un intervento chirurgico la sala operatoria deve essere sottoposta a sterilizzazione, così da rendere l’ambiente asettico, ovvero completamente privo di microrganismi. Nella vita quotidiano non va trascurata l’igiene degli alimenti, che devono essere ben conservati, per evitare che diventino terreno per la crescita di microrganismi patogeni.

Una corretta conservazione degli alimenti si ottiene agendo in modo da sfavorire la crescita dei microrganismi,ovvero modificando alcune condizioni indispensabili per la loro vita come: la presenza di sostanze organiche, la temperatura, la presenza di acqua e di ossigeno.
Per uccidere i microrganismi è necessario portarli ad alta temperatura ed è per questo che una buona conserva casalinga si ottiene per riscaldamento del prodotto; il latte viene infatti sottoposto a trattamenti termici di sterilizzazione e pastorizzazione.
Molti cibi possono essere conservati a lungo per la disidratazione, ovvero per eliminazione dell’acqua contenuta: in assenza dell’acqua infatti i microbi restano inattivi a lungo. In qualche caso si conservano i prodotti sott’olio: questo metodo ha lo scopo di sottrarre il prodotto all’azione dell’aria, così da impedire la crescita di microbi. Si può dunque capire come la conservazione dei cibi non sia cosa facile e sia sempre limitata nel tempo. Per questa ragione anche i prodotti industriali conservati con le migliori tecniche hanno una data di scadenza scritta sulla confezione.

Registrati via email