Polmoni, caratteristiche e funzioni

I più piccoli rami dei bronchi costituiscono una fitta rete di minuscoli canalicoli denominati bronchioli. Ciascun bronchiolo termina con una dilatazione a fondo cieco, come una saccoccia (= vescicola polmonare), che presenta numerosissime concamerazioni, gli alveoli polmonari, disposti a grappolo come tanti acini d’uva.
Complessivamente gli alveoli polmonari sono oltre 750 milioni e hanno una superficie di circa 200 m2. La parete degli alveoli è costituita da una sottilissima membrana su cui si stende una fitta rete di capillari sanguigni.
L'insieme di tutti gli alveoli forma due masse spugnose elastiche che occupano la cavità toracica e si chiamano polmoni.
Tra i due polmoni vi è uno spazio, il mediastino, in cui è situato il cuore.
I polmoni hanno forma piramidale e appoggiano la base sul diaframma. Il polmone destro è diviso in tre lobi ed è un po’ più voluminoso del polmone sinistro, diviso in soli due lobi.

Ciascun polmone inoltre è avvolto da una membrana a doppia parete, detta pleura. E tra queste due pareti vi è un sottile velo di liquido che consente lo scorrimento dei due strati l’uno sull’altro, in maniera che, durante i movimenti respiratori, non vi sia attrito tra la superficie dei polmoni e le costole.
Ciascun polmone riceve sangue venoso da un ramo dell’arteria polmonare e lo restituisce purificato al cuore mediante due vene polmonari.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email