Ominide 8039 punti

Il pino domestico


Non a caso la Federazione Pro-Natura ha prescelto, come suo simbolo, il pino domestico. Il pino domestico o pino da pinoli o pino italico è considerato l'albero più bello d'Italia, meravigliosamente inserito nei paesaggi dei litorali.
Già Virgilio lo dichiara « pino bellissimo » ornamento degli orti e dei par¬chi in contrapposizione al selvaggio frassino delle selve. In verità, col suo portamento slanciato, la sua corteccia rossa e scagliosa, la sua chioma espansa e regolare, il pino domestico costituisce un elemento essenziale del paesaggio italico costiero, anche se pare accertato che esso provenga, importato dai Romani che lo consacrarono alla dea Cibele o addirittura dagli Etruschi, dai deserti litorali della Spagna sud-orientale ove ancora vegeta in ampie foreste. Le vaste fasce pinetate che si estendono lungo i litorali, da Mondragone in provincia di Caserta, a Castel Fusano, a Fregene, alla Versilia e sul litorale emiliano e veneto, sono ormai parte inscuidibile del paesaggio.
Dalla « divina foresta spessa e viva » di Dante a numerosi dipinti in cui compare la pineta che un tempo rivestiva tutte le coste toscane, il pino occupa un posto storico e primario nella nostra vegetazione. Purtroppo oggi, delle grandi selve costiere resta ben poco. Attrezzature balneari, strade, impianti industriali, urbanizzazione, hanno ridotto di molto le pinete; in più, le acque cariche di detersivi, proiettate dal libeccio contro il bosco, non più frenate dalla vegetazione dunale, distrutta per lasciar spazio ai bagnanti, riduce la vegetazione, per centinaia di metri all'interno, a un cimitero di tronchi biancheggianti, di ceppale riarse, di chiome ustionate. Seguitando di questo passo, in pochi anni, tutte le residue pinete costiere italiane saranno ridotte a uno sterile ossario.
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email