e_qu di e_qu
Ominide 52 punti
Questo appunto contiene un allegato
Organo della vista scaricato 12 volte

LA VISTA

Gli organi ai quali è affidata la vista sono gli occhi, si trovano nelle cosiddette cavità orbitarie e i gli organi accessori sono le palpebre, le ciglia, le sopracciglia, le ghiandole lacrimali e il bulbo oculare.
Le palpebre sono due sottili pieghe della pelle rivestite dalla membrana congiuntiva, la loro funzione è quella di proteggere l’occhio dalla luce troppo intensa e quella far produrre il liquido lacrimale con il loro battito.
Le ciglia sono dei peli che si trovano sulle palpebre, servono per filtrare la luce e non permettere il passaggio della polvere.
Le sopracciglia sono dei peli che si trovano lungo l’orbita, servono a impedire che il sudore della fronte entri nell’occhio.
Il bulbo oculare è formato da tre membrane: la sclerotica, la coroide e la retina. La sclerotica nella parte anteriore può essere definita cornea, la quale funge da lente convergete.
La coroide nella parte anteriore forma l’iride, un anello muscolare che contiene varie colorazioni; nella coroide si può trovare anche la pupilla, un diaframma regolabile per il passaggio dei raggi luminosi. La retina è formata da vari strati di cellule, tra cui i fotocettori, che si suddividono in coni e bastoncelli. I coni sono responsabili della visione diurna e si trovano nella fovea. I bastoncelli non distinguono i colori e per questo sono i responsabili della visione notturna.

Dietro l’iride si trova il cristallino, grazie ad esso il nostro occhio riesce a correggere la messa a fuoco adattandosi al variare della distanza degli oggetti. Nello spazio tra la cornea e il cristallino è presente un liquido (umor acqueo), mentre dietro il cristallino il bulbo oculare è formato da una sostanza gelatinosa chiamata corpo vitreo.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email