Ominide 8039 punti

Per quale causa si genera una corrente d'aria? perché l'aria fredda tende a entrare negli ambienti caldi, mentre non si verifica mai il caso contrario?
L'aria è un fluido (scorre come tutti i gas e tutti i liquidi) e inoltre, come tutti i corpi, l'aria, riscaldandosi, aumenta in volume, si dilata, diviene meno densa, più leggera, e diminuisce il peso. L'aria fredda, invece, essendo più densa e avendo maggior pressione, tende a scivolare, a portarsi nella zona dove l'aria è più calda e più rarefatta, per pareggiare il livello di pressione e così ristabilire l'equilibrio. È proprio questo movimento di masse d'aria, da una zona fredda (di alta pressione) a una zona meno fredda o calda (di bassa pressione), che costituisce il vento.
Gli antichi credevano che i venti scaturissero dalle profondità del suolo. Secondo la mitologia greca, Eolo teneva i venti incatenati in una grotta sotterranea e, di quando in quando, li lasciava liberi di percorrere furiosamente la terraferma e i mari.

Oggi sappiamo che a provocare i venti è praticamente il Sole il quale, riscaldando con intensità ineguale il suolo e le acque, determina dislivelli di temperatura e di pressione atmosferica; dislivelli che tendono a compensarsi mediante spostamenti d'aria. Così, nella tropo¬sfera, fra l'equatore e i poli, fra gli oceani e i continenti, fra i deserti e le foreste, esistono differenze di temperatura e di pressione che danno origine alla circolazione dell'aria, cioè ai venti.
I movimenti di masse d'aria in senso verticale (l'aria calda sale e l'aria fredda scende) di solito quasi non si avvertono. Facilmente avvertiti sono invece i movimenti d'aria che avvengono in senso orizzontale; tali venti sono indicati dal¬la direzione, cioè dal punto della rosa dei venti da cui provengono: vento di Sud-Est, di Nord-Ovest, ecc.
Alcuni venti hanno nomi caratteristici: Tra¬montana, se spira dal Nord; Scirocco, se spira da Sud-Est; Libeccio, se spira da Sud-Ovest; Maestro, se spira da Nord-Ovest, ecc.
Sui diversi tipi di venti: costanti (alisei e controalisei), periodici (monsoni e brezze), variabili (bora, maestrale, tramontana, libeccio, scirocco, John, ecc.), potrai attingere notizie più ampie dal libro di geografia.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email