VIP 2446 punti

COME SI FORMA E SI SVILUPPA L’OSSO

La maggior parte delle nostre ossa si è formata a partire dalla cartilagine dell’embrione,presente nel grembo materno. Lo scheletro dell’embrione è infatti formato da cartilagine,un particolare tessuto giallastro,resistente e al tempo stesso elastico. Con il procedere dello sviluppo,la cartilagine si trasforma progressivamente in osso.
L’ ossificazione della cartilagine inizia generalmente nella parte centrale dell’osso,ma nelle ossa lunghe si formano presto altri centri di ossificazione alle estremità.
Man mano che la formazione dell’osso procede,la quantità di cartilagine diminuisce, finchè ne resta solo uno strato intermedio (o residuo) che scomparirà quando l’osso smetterà di accrescersi in lunghezza. Solo in quel momento le zone di ossificazione si saranno raggiunte e fuse.
Nel bambino è ancora presente nelle ossa la cartilagine residua, responsabile del loro accrescimento in lunghezza. La sua scomparsa segna la fine della crescita ossea, in genere verso i 22-25 anni.

Nell’adulto restano ancora alcune zone di cartilagine: a livello delle articolazioni hanno la funzione di migliorare il movimento di un osso sull’altro: è il caso dei dischi intervertebrati e del menisco nell’articolazione del ginocchio; a livello del naso,dal padiglione auricolare e dell’apparato respiratorio hanno funzione di sostegno,come gli anelli che mantengono aperta la trachea.
Nell’anziano inizia ad alterarsi l’equilibrio dei componenti dell’osso ,con la riduzione della parte minerale.
Questo fenomeno prende il nome di osteoporosi.
L’osteoporosi può essere in parte prevenuta da giovani evitando la vita sedentaria e alimentandosi con una dieta appropriata,ricca di calcio.

Registrati via email