Sapiens Sapiens 934 punti

Inserisci qui il titolo dell'appunto

Posizione
La foresta di Białowieża è posizionata nel bacino fluviale (area nella quale tutte le acque superficiali sfociano in un fiume) di due fiumi: il Narew e il Bug. Al Narew sfocia il fiume minore Narewka, e al Bug sfocia il fiume Leśna. Vi sono anche oltre 78 affluenti che sfociano, a loro volta, nei fiumi Leśna e Narewka.

Clima, elementi morfologici e natura del suono
L'elemento morfologico dominante è la pianura, costituita da un suolo di morena denna (particolare forma di accumulo di sedimenti, costituito dai detriti rocciosi trasportati dal ghiacciaio formante la pianura nel corso del suo scorrimento verso valle). Il clima della foresta è molto temperato. L’umidità varia a seconda della parte del bosco presa in considerazione: essa è maggiore nella foresta pluviale che in quella temperata.

Flora e fauna
Essendo una foresta primitiva, non modificata dall’uomo sin dal XIV secolo, gli alberi sono molto più antichi di quelli di altre foreste. Nella foresta di Białowieża non vi è flora o fauna endemica (endemico è il fenomeno per cui alcune specie animali o vegetali sono esclusive di un dato territorio), ma di compenso vi è una grande biodiversità: infatti nel 2008 vi sono 1020 specie vegetali e 11 864 specie animali, di cui 21000 animali.

Vegetazione
Le specie degli alberi sono 26, di cui 21 sono latifoglie e 5 aghifoglie. Vi sono anche 19 specie di felci, 6 di licopodi, 7 di equiseti, 54 di epatiche, circa 260 specie di muschi e 325 di licheni. Molte pteridofite e briofite si sono salvate dall’estinzione perché legate al legno marcio e al fusto di alcuni vecchi alberi. Gli alberi nella foresta di Białowieża possono crescere fino ai 57 m, raggiungendo lo spessore di 800 cm ogni 1,3 m.

Foresta temperata
Questo suolo è coperto principalmente da vegetazione di tipo foresta temperata (grąd), costituita essenzialmente da alberi di latifoglie (anche se con alcune eccezioni di aghifoglie) tra cui le specie dominanti sono il carpino, la quercia, il tiglio, l’acero e il peccio.

Foresta pluviale temperata
Oltre alla vegetazione di tipo foresta temperata, vi è anche un piccolo tratto in cui essa diventa foresta pluviale temperata (las łęgowy), formata principalmente da piante adatte alle numerosi paludi e ai fiumi di questa zona, come l’olmaria, la felce comune e il salice bianco.

I funghi

Nella foresta vi sono circa 4000 specie di funghi. Fra essi vi sono delle specie molto antiche, ed esse, come anche alcune piante, sono fortemente legate al legno marcio degli alberi caduti e al microclima formato da essi (infatti gli alberi influenzano il clima). Vi sono anche oltre a 400 specie di licheni. Ma per causa dell’inquinamento il loro numero si sta riducendo.

La fauna
La fauna è costituita per la maggior parte dagli invertebrati, che coprono ben il 95% di specie presenti nella foresta di Białowieża. Oltre ai mammiferi (il 72% della fauna polacca), ai rettili, agli aracnidi, agli anfibi, agli uccelli (delle 260 specie, 240 si riproducono nella foresta. Di queste specie 8 formano il 10% di tutti gli uccelli in Polonia) ai pesci e alle sanguisughe, vi sono anche 9482 specie di insetti.

Żubr (bisonte europeo)
La foresta di Białowieża è nota per avere il più grande gruppo di bisonti europei (bison bonasus). Esso è anche la più grande attrattiva turistica della foresta.
Nel 1919 i tedeschi uccisero l’ultimo bisonte europeo che viveva allo stato brado. Grazie all’iniziativa del professore Jana Sztolcman nel 1923 si fondò la Międzynarodowe Towarzystwo Ochrony Żubra (Società Internazionale per la Difesa del Bisonte europeo). L’anno dopo la società scoprì che sulla Terra erano rimasti ancora 54 bisonti europei (anche se addomesticati), ma solo 12 di essi si riprodurono. Dopodiché, nell’autunno del 1929 tutti vennero portati nella foresta, ma solo 16 continuarono la specie.
Oggi si contano circa 450 bisonti europei in Europa.

Mammiferi
I mammiferi più importanti della foresta sono, oltre ai bisonti, alci (Alces alces ), caprioli (Capreolus capreolus), cinghiale (Sus scrofa), cervi (Cereus elaphus), lupi (Canis lupus), linci (Felis lynx). Questi ultimi si stanno dimezzando causa inquinamento.

Il parco nazionale della Białowieża
La foresta di Białowieża è la più antica foresta europea. Diventò una riserva nel 1924, e cambiò il nome in parco Nazionale nel 1947, ma era sotto la protezione dei re polacchi sin dal XIV sec. Divenne patrimonio dell'UNESCO nel 1979. Essa è posizionata per metà in Polonia e per metà in Bielorussia. La sua attrattiva maggiore è costituita dai bisonti europei, che formano anche il simbolo del parco. La foresta contiene pochi centri abitati di microscopiche dimensioni.

Registrati via email