Ominide 8039 punti

Le fasce climatiche e ambientali dell’Africa

L’Africa, tagliata a metà dall’Equatore e compresa quasi tutta nella zona dei tropici, è caratterizzata dall’assoluto prevalere dei climi caldi. Si possono distinguere quattro fasce climatiche quasi orizzontali e parallele tra loro. La fascia centrale a clima equatoriale che ha temperature molto elevate, escursione termica stagionale ridotta, piogge abbondanti e distribuite per tutto il periodo dell’anno. In questa fascia predomina la foresta pluviale, ricchissima di specie animali e vegetali. A nord e a sud di questa fascia centrale si estendono due grandi fasce a clima tropicale, con temperature ancora più elevate e piogge stagionali. Le foreste pluviali si trasformano in savane e praterie dove pascolano branchi di grandi erbivori selvatici come ad esempio le giraffe, le zebre, gli elefanti, le antilopi, gli gnu e molti altri, insidiati da carnivori come leoni, ghepardi e così via. In questa fascia le fitte foreste a galleria ricoprono i fiumi nascondendoli alla vista. La fascia successiva è quella delle regioni aride del deserto del Sahara a nord e dei deserti del Kalahari e del Namib a sud. In queste zone la temperatura è altissima, l’escursione termica annua e quella giornaliera sono notevoli, mentre le precipitazioni sono scarsissime. Infine, alle estremità nord e sud del continente prevale il clima temperato mediterraneo. In queste aree, mitigate dal mare, compare la macchia mediterranea.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email