Ominide 50 punti

Le proposizioni mentali

Le proposizioni mentali sono dei puri contenuti ideativi senza forma linguistica.
È quindi un contenuto mentale che viene prima delle parole che poi è rivestito dalle parole stesse.

Le immagini mentali
La nostra mente oltre a possedere delle proposizioni mentali possiede anche delle immagini mentali in quanto la nostra mente è capace di produrre immagini e di lavorarci.
L’esistenza dell’immaginazione suggerisce in modo suggestivo che nella nostra mente esistano rappresentazioni sotto forma di immagini.
Gli esperimenti che dimostrano la presenza di immagini mentali nella nostra mente sono diversi.
- Nell’esperimento di Shepard veniva presentata una coppia di figure per volta e si chiedeva se le due figure fossero identiche o meno. I soggetti riferivano che per rispondere ruotavano l’immagine mentale di una delle due figure fino al punto in cui potevano controllare se corrispondeva o meno all’altra.

- Nell’esperimento di Kosslyn invece veniva richiesto al soggetto di apprendere una mappa di un’isola su cui erano contrassegnati i luoghi più significativi. Una volta imparata la mappa ai soggetti veniva chiesto di “muoversi” mentalmente, cioè spostare la loro attenzione, da un punto determinato ad un altro della mappa memorizzata. Kosslyn con questo esperimento voleva dimostrare che quando usiamo le immagini mentali siamo vincolati nello spazio, infatti il tempo necessario per percorrere il tragitto era proporzionale alla distanza effettiva dei luoghi sulla mappa.

Due sistemi operativi distinti
Secondo la teoria della doppia codifica nella nostra mente ci sarebbero due sistemi distinti di elaborazione delle informazioni:uno che opera in formato digitale e l’atro in formato analogico. Ci può essere interferenza quando usiamo lo stesso codice per due sistemi distinti.
Nell’esperimento di Brooks, ai soggetti si chiedeva di riprodurre con l’immaginazione il disegno della F e di esplorare l’immagine nella mente fermandosi a ogni angolo per stabilire se era rivolto all’interno o all’esterno.
Nell’altra situazione sperimentale i soggetti dovevano memorizzare una frase e dire se ciascuna parola era un nome o meno. Rispondere dicendo un si o un no intralciava il compito di analisi della frase, mentre non interferiva con l’esplorazione della lettera. Il contrario accadeva se per rispondere i soggetti dovevano indicare una lettera tra altre sparse su un foglio:qui risultava intralciato il compito da svolgere sull’immagine mentale. Esplorare mentalmente una figura ed esplorare un foglio sono cose difficili da fare assieme, perché impegnano entrambe il sistema analogico; analizzare mentalmente una frase e rispondere a parole è ugualmente difficile, perché entrambe le attività impegnano il sistema digitale.

Registrati via email