Ominide 54 punti
Questo appunto contiene un allegato
Nevrosi e psicosi scaricato 2 volte

La nevrosi e la psicosi

Il termine ‘’nevrosi’’ fu coniato dal medico scozzese William Cullen nel 1776 e indica una categoria di disturbi mentali, accomunate dalle caratteristica di non produrre effetti deliranti. Le malattie mentali,sono infatti suddivisibili in ‘’malattie minori’’ o NEVROSI,che non producono sintomi deliranti e in ‘’malattie maggiori’’ o PSICOSI, quali il sintomo fondamentale è,appunto, il delirio.
Il termine venne poi ripreso da Sigmund Freud, il quale definì la nevrosi come un insieme di disturbi psichici senza,però, una causa organica: ovvero, essa rappresenta un conflitto inconscio tra un desiderio, una pulsione, un istinto ed un meccanismo di difesa.
La nevrosi (o neurosi),quindi, sono patologie minori che permettono al soggetto di rimanere inserito nella società alla quale appartiene e di condurre una vita normale, caratterizzata dalla ‘’non sofferenza’’ e dalla ‘’non invalidità’’. Non si può attribuire a questi soggetti il termine di ‘’pazzo’’, poiché questi soggetti sono in grado di rendersi conto in ogni momento dei loro problemi e rimangono,pertanto, in contatto con la realtà, senza estraniarsene. Esso si rende conto della propria malattia e cerca il modo di liberarsene: è cosciente che le proprie sofferenze sono dovute dalla diversità del proprio atteggiamento psichico (es. ciò che vorrebbe essere e ciò che invece non è), rispetto a quello delle altre persone.

Il soggetto nevrotico,si avverte come decentrato, cioè, disarmonico con sé stesso, bloccato dai suoi desideri e nelle sue potenzialità, privato dall’autostima e, questo suo squilibrio interiore, non gli permette di stabilire relazioni soddisfacenti con gli altri.
Il termine ‘’psicosi’’,invece, indica una sorta di disturbo psichico,ovvero, una severa alterazione dell’equilibrio psichico che allontana l’individuo dalla realtà,lo priva delle intuizioni e i sintomi principali sono il delirio e le allucinazioni.
I sintomi delle nevrosi,nella maggior parte dei casi, sono sensazioni comuni,che abbiamo un po’ tutti: sintomi di persone sane che,in certi casi, possono raggiungere un’intensità o un’importanza tale da essere definita ‘’patologica’’.
Il confine tra normalità e nevrosi, infatti, è davvero sfumato.

Sono state descritte diverse forme di nevrosi:
• Nevrosi d’ansia;
• Nevrosi fobica;
• Nevrosi ossessiva;

• Nevrosi isterica;
• Nevrosi da transfert;
• Nevrosi attuali;
• Malattia di Janet;

La nevrosi d’ansia: La nevrosi d’ansia è conosciuta anche come ‘’malattia del panico’’. Essa è caratterizzata dalla comparsa improvvisa di attacchi di una sensazione di paura irrazionale e dalla convinzione che stia per accadere qualcosa di tremendo e pericoloso. Questo attacco, dovuto dall’ansia, avviene improvviso ed è paragonato a una paura che diviene dal nulla (l’angoscia). Il sintomo frequente è la paura di dover diventare pazzi e non riuscire più a dominare la situazione. Quindi,è presente un senso di spersonalizzazione: il mondo appare come totalmente cambiato.
Gli effetti somatici sono: sudorazione,tremori, svenimenti, attacchi di panico frequenti. Tale malattia solitamente non è invalidante,poiché i pazienti che ne soffrono, conducono una vita normale, al di fuori dei periodi in cui sono soggetti agli attacchi. Questa forma di patologia risponde meglio a un trattamento psicoanalitico. Il trattamento farmacologico, invece, è basato sugli ansiolitici.
La nevrosi fobica:
La nevrosi fobica è molto diversa dalla nevrosi d’ansia, poiché essa è caratterizzata da una paura dovuta da un oggetto ben preciso (l’oggetto cambia da persona a persona).
L’oggetto della fobia può essere rappresentato da un animale, una situazione (parlare in pubblico) o da un’azione (attraversare ponti,salire scale).
Per il paziente affetto da questa fobia, diventa impossibile trovare un confronto con l’oggetto che gli provoca paura. Egli si rende conto dell’irrazionalità del suo comportamento ma non riesce a farne a meno. Infatti,nel momento in cui occasionalmente avviene l’incontro con tale oggetto, questo gli provoca l’insorgenza di un attacco di panico incontrollabile.

La malattia diventa grave quando l’oggetto della fobia è tale da impedire al soggetto di svolgere normalmente la sua vita di relazione o di lavoro.
Ad esempio: la paura di luoghi aperti o chiusi,la paura di mezzi di trasporto;
I pazienti affetti dalla fobia,non necessitano di alcun trattamento particolare. Quando è necessario,però, il paziente si avvale di farmaci antidepressivi.

La nevrosi ossessiva: La nevrosi ossessiva è conosciuta anche come ‘’nevrosi di compulsione’’ ed è caratterizzata da idee ricorrenti (ossessioni) o da atti obbligati, ripetuti e compiuti in maniera continua senza alcun scopo. L’ossessione è un impulso incontrollabile mentale. Un esempio di ossessione è la convinzione di infettarsi e di contrarre malattie,stringendo la mano di altre persone. Quando il paziente non può mettere in atto il proprio comportamento compulsivo, va incontro all’insorgenza di ansia.
Si tratta di una delle forme nevrotiche più complesse, poiché non è trattabile né con la psicoterapia, né con i farmaci. Solitamente vengono somministrati farmaci,quali: antidepressivi e ansiolitici,che non producono degli effetti significativi.

La nevrosi isterica: L’isteria è anche nota come ‘’nevrosi somatizzazione’’. I pazienti affetti da questa forma, si presentano come pazienti ‘’organici’’. I sintomi possono essere diversi, ma di solito riguardano un solo sistema del corpo,che spesso è il sistema nervoso.
I sintomi somatici sono motori (paralisi,tremori,aumento del tono muscolare), sensitivo-sensoriali (anestesie,dolori), vegetativi (febbre non dovuta a lesioni organiche).

Fra i sintomi psichici,poi,vi sono: deliri,amnesie,caratteri infantili, stato confusionale.
Il paziente, in genere, si presenta depresso, con una storia precedente di malattie ‘’strane’’,non diagnosticate o trattate, talora guarite da sé.

Nevrosi da transfert: Le nevrosi da transfert sono legate da un antico conflitto basato su un accordo difensivo tra un desiderio infantile e il divieto che era stato imposto.
I disturbi psichici sono simili a quelli della nevrosi ossessiva, o a quelli clinici (isteria o fobia).

Nevrosi attuali: Le nevrosi attuali hanno origine nel presente. I sintomi dipendono dall’assenza o dall’ineguadezza del soddisfacimento sessuale e sono:
• Nevrastenia: quando la scarica sessuale è attualmente insufficiente e,quindi, non soddisfa la libido. Ciò provoca fatica fisica,cefalea,dispepsia,stipsi,formicolio,pizzicore.
• Nevrosi d’angoscia: La scarica sessuale è attualmente mancante, l’eccitamento si accumula e si trasforma in sintomi: attesa ansiosa persistente,attacchi di angoscia;
• Ipocondria: la paura della castrazione. Ciò si manifesta quando si hanno disturbi organici e,quindi, la paura per la propria salute.

Malattia di Janet: La malattia di Janet è una malattia che prende il nome da colui che la scoprì. Essa è considerata una nevrosi che valuta i disturbi fobici e ansiosi come una patologia che dipende da cause psicogene.

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email