Mito 14351 punti

Evouzione dell'emotività infantile

Quando il bambino vive in un ambiente sereno inseme ad adulti che si occupano di lui con equilibrio e che gli forniscono l'affetto di cui lui ha bisogno. L'emotività si evolve secondo linee che sono in parte prevedibili. Diciamo in parte perchè oggi individuo è un caso unico, con una sua storia ed un suo temperamento. Vediamo quali sono le emozioni di un bambino in etra prescolare:

Evoluzione della paura
Benchè l'intensità della paura vari da bambino a bambino, ci sono tipi di paura caratteristici di ogni età. In linea di massima dopo i due anni diminuiscono le paure più difese fra i giovanissimi quali i rumori forti, i cambiamenti improvvisi,degli oggetti delle persone e dei luoghi sconosciuti; aumenta invece la paura per gli animali che raggiunge l'apice verso i quattro anni e che si manifesta soprattutto nei riguardi di animali poco conosciuti di cui il bambino non sa prevedere le reazioni. Crescendo la paura non è più istinto, come nella fase precedente, la risposta diretta ad uno stimolo, ma assume anche forme immaginarie: la memoria si rafforza e il bambino può ricordare meglio e più lungo esperienze spiacevoli mentre l'immaginazione, via via sempre più sviluppata, rende possibile l'insorgere delle paure per situazioni di cui il bambino ha udito parlare o che suppone possibili.

La collera
Il bambino supera le paure dell'infanzia man mano che ha più controllo dell'ambiente. Un'emozione che è frequente nell'infanzia e che il bambino non h ancora imparato a dissimulare è la collera. Ogni persona ha un suo personale livello di tolleranza alla collera, ma la reazione può variare molto a secondo delle caratteristiche della causa scatenante e dell'accumulo di tali cause. La collera può manifestarsi in comportamenti aggressivi oppure in forma inibita. Nel primo caso l'individuo orienta il proprio comportamento verso una persona o un oggetto; nel secondo può deprimersi, diventare di cattivo umore e assumere comportamenti apatici. Temperamento e stile educativo possono favorire ora la forma impulsiva ora la forma inibita: ambienti fortemente punitivi provocano un progressivo aumento dell'apatia, in altri invece violenti scopi di collera.

La gelosia
La gelosia è un sentimento diffuso tra i bambini, particolarmente frequente quando in casa arriva un fratellino o una sorellina. Il nuovo venuto può essere considerato in casa un intruso, un pericoloso concorrente all'affetto dei genitori. La gelosia non è appannaggio esclusivo del primogenito: i fratelli minori possono provare gelosia per i privilegi reali e presunti di cui godono i maggiori e comunque la gelosia, latente in ogni nucleo familiare, può manifestarsi in ogni bambino in rappoto al suo temperamento e a particolari avvenimenti e vicende familiari.

Le emozioni positive
Il bambino non vive solo emozioni negative ma anche positive come gioia, piacer, affetto curiosità. In età prescolare prova gioia e piacere nel risolvere problemi, nel constatare di riuscire in qualche nuova attività, nell'eguagliare le prestazioni degli altri bambini, nello scoprire cose nuove. A cinque-sei anni gli piace scherzare, giocare con le parole, cantare; essendosi già formato schemi di comportamento "corretti", si diverte agli errori verbali degli altri e ai giochi di parole, così come si diverte negli indovinelli e alle barzellette. L curiosità si rivolge ad ogni aspetto della realtà: alle favole, ai racconti e anche al proprio corpo e a quello degli altri. I più giovani sono aperti a qualsiasi novità, tutto per loro è nuovo ed interessante. Le reazioni emotive dei bambini si modificano nel tempo perchè si modificano l loro interpretazioni degli eventi. Crescendo i bambini diventano anche più abili nel riconoscerle e nel prevederle e se nei primi cinque-sei anni di vita ne sono completamente dominati mano amano imparano a dominarle grazie anche all'aiuto dei loro educatori.

Registrati via email