La coscienza

Cosa significa essere coscienti?

Essere svegli; questa definizione comporta la distinzione della veglia dal sonno o da altri stati di incoscienza.
Essere consapevoli del mondo; rispetto al primo, assume valenza più astratta : si può infatti essere svegli e allo stesso tempo inconsapevoli degli aspetti esteri del mondo.
Essere consapevoli di se stessi come agenti nel mondo; ciò è riconducibile all’autoconsapevolezza, ossia l’essere consapevoli di se stessi come distinti dagli altri nel mondo.
Coscienza intesa come presente neurofisiologico; la coscienza ha un carattere temporale, occupa il nostro tempo tra passato e futuro spiegando il nostro senso del presente. Secondo la nostra percezione:
Passato : ciò che è avvenuto alcuni secondi prima;
Futuro: ciò che accadrà tra qualche secondo;

Presente cosciente: è soggettivo e indefinito, impossibile da misurare con precisione, anche se possiamo attribuirgli una durata di alcune centinaia di millisecondi. Questa visione del presente è riconducibile al nostro modo di prestare attenzione al mondo esterno: soggettivamente, ci sembra che si possa essere attenti in modo cosciente a una sola cosa per volta; in realtà, in modo incosciente, il cervello elabora in parallelo più cose.
L’oggetto in cui poniamo consapevolmente attenzione rappresenta un modo di definire il presente cosciente.

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email