Ester di Ester
Habilis 1800 punti

La Famiglia

La famiglia può essere concepita come una realtà in transizione, all’interno della quale è possibile trovare concezioni e modelli formativi contrastanti, cioè come il centro di una molteplicità di “progetti„ interagenti fra loro. La famiglia è un’istituzione che provvede alla trasmissione dei valori sociali e alla conseguente integrazione dei suoi membri nella società. Essa compie le proprie scelte educative.
Nella famiglia stiamo vicino alla gente che condivide i nostri stessi interessi e abbiamo qualcuno a cui fare riferimento in caso di bisogno. La famiglia si sofferma soprattutto sul ruolo educativo dei genitori nei confronti con i figli.
Una famiglia si crea con:
1. La formazione della coppia
2. La nascita dei figli
3. L’adolescenza dei figli
4. L’uscita dal nucleo famigliare dei figli
5. Il pensionamento
6. La malattia
7. La morte della coppia genitoriale

Le famiglie possono caratterizzarsi come sistemo aperti, cioè capaci di adattarsi in modo flessibile ai mutamenti interni ed esterni, così da favorire la maturazione dei componenti, oppure come sistemi chiusi, che per la loro rigidità impediscono gli adattamenti e l’apertura verso l’esterno.
La coppia può essere considerata un sistema di relazione fondato sull’autoeducazione e sull’educazione reciproca (coeducazione). I membri della coppia devono avere un progetto comune, amarsi allo stesso modo e arrivare ad amare le stesse cose.
Esistono poi, per i loro figli, diversi stili educativi:
• Lo stile autoritario:basato su un sistema rigido di norme stabilite da genitori;
• Lo stile permissivo: si fonda sul tentativo di eliminare ogni occasione di frustrazione per i figli e di soddisfare le loro richieste;
• Lo stile incoerente: oscilla tra l’autoritarismo e la permissività a seconda delle condizioni emotive dell’adulto;
• Lo stile autorevole: i valori stabiliti e la responsabilità educativa dell’adulto si concretizza in una serie di norme flessibili e incentrate sui bisogni di tutti i membri della famiglia.
I legami emotivi rendono molto difficili essere genitori “perfetti„. Il genitore “quasi perfetto„ è colui che è in grado di amare il proprio figlio e di dialogare con lui.

Registrati via email