Sintesi: Preromanticismo e Romanticismo

Il Romanticismo è preceduto da una serie di segnali e di esperienze artistiche che ne preannunciano l’arrivo e che è appunto detta Preromanticismo. Già nella seconda metà del Settecento le nuove tendenze culturali annunciano molte delle componenti sentimentali, introspettive e irrazionali destinate con il Romanticismo a prevalere. Basti citare l’opera di Jean-Jacques Rousseau, con la sua scoperta ed esplorazione dell’”io” e con il risalto dato alla natura e al sogno; la produzione lirica degli inglesi Edward Young e Thomas Gray, caratterizzata da una visione cupa e malinconica della realtà, dalla riflessione sulla morte e sulla solitudine, spesso ambientata in paesaggi notturni e cimiteriali; l’attività del movimento tedesco Sturm und Drang (“Tempesta e impeto”), guidato dal giovane Goethe (un movimento che esalta l’individualismo, l’istinto, il titanismo ribellistico) e ancora la diffusione e il grande successo dei Canti di Ossian, di James Macpherson, rievocazione di un mondo fantastico e immaginoso in cui si scatenano passioni feroci e primitive dentro una natura tenebrosa.

Il Romanticismo fu un vasto e complesso movimento culturale, artistico, filosofico, che si sviluppò tra la fine del Settecento e la prima metà dell’Ottocento e che ebbe la sua origine in Inghilterra e in Germania, per poi diffondersi nel resto d’Europa. L’estrema articolazione e complessità del fenomeno esclude la possibilità di trovare una formula unica che sia in grado di definirlo, anche perché esistono al suo interno una gran varietà di elementi a volte in contraddizione fra loro. In nome dell’originalità i Romantici rifiutavano le regole codificate dalla tradizione ed elaborate sul modello di alcuni autori ritenuti esemplari e insuperabili, così come rifiutavano la mitologia in quanto repertorio di immagini ormai vuote di significato. Cercavano all’opposto una poesia spontanea e immediata che esprimesse le passioni, la malinconia, la tristezza, l’inquietudine interiore dell’anima, le fantasie oniriche, gli slanci irrazionali.
Si diffuse in questo periodo il mito dell’artista infelice, solitario, incompreso, in perenne lotta con la meschinità del presente. Il Romanticismo era stato preceduto da una serie di manifestazioni, detta preromantiche.
Molti fra gli intellettuali romantici proposero la riscoperta e la rivalutazione dei valori delle tradizioni e dei miti nazionali e si dedicarono alla ricerca e alla raccolta delle fiabe, delle leggende, dei canti dei loro popoli. Il recupero del passato si tradusse anche in una vera passione per il Medioevo, epoca che in Europa aveva visto il sorgere delle varie identità nazionali.
All’interno della produzione romantica si possono configurare due tendenze fondamentali: una soggettiva, lirica e fantastica, e una oggettiva, che auspicava una letteratura aderente al reale, ai bisogni e alle esigenze del popolo, al progresso civile e morale della nazione.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email