Ominide 1069 punti

Louisa May Alcott nasce il 29 Novembre del 1832 a Germantown (ora quartiere di Philadelphia) e suo padre era il celebre filosofo trascendentalista Amos Alcott e seconda di quattro sorelle.

La sua educazione fu privata e i suoi insegnamenti furono filosofi trascendentalisti, tutti amici di famiglia, questo la rese abolizionista e femminista. La sua opinione di sorellanza si ruppe con due eventi: la morte della sorella minore Lizzie e il matrimonio della maggiore Anna nel 1858.

Quando aveva 8 anni la famiglia si trasferì a Boston e, negli stessi anni, il padre tenta di formare una scuola filosofica e la giovane Louisa ne approfitta per entrare in un gruppo trascendentalista fondato dai filosofi Ralph Emerson ed Henry Thoreau.

Nel 1840 la famiglia si trasferì nuovamente nel Massachusetts e per pochi anni entrarono a far parte di una comunità. Allo scioglimento di essa, la famiglia si trasferisce nuovamente a Concord.

Nel 1855 scrive il suo primo libro: Flower Fables, ossia una raccolta di racconti scritti inizialmente per la figlia del filosofo Emerson, amico della famiglia Alcott.

Nel 1860 diventa giornalista dell’Atlantic Mounthly. Questa attività verrà poi interrotta allo scoppio della guerra civile americana, per la quale lavorò come infermiera dell’ospedale della sua città natale (Georgetown). Durante questo periodo, scriverà diverse lettere raccolte nell’ “Hospital Sketches” (pubblicato prima nel 1863 e poi nel 1869).

Nel 1864 scrive il suo romanzo “Mood”, bastato su esperienze della vita dell’autrice. Nello stesso periodo scrive diverse poesie sotto lo pseudonimo di A.M. Barnard.

La Alcott si dedicò anche alla scrittura di libri per bambini, ma nello stesso periodo scrisse “Work” (nel 1873, un libro semiautobiografico) e il romanzo “A Modern Mephistopheles” (nel 1875, ma la proprietà di questo libro è ancora sconosciuta).

Nel 1868 vi fu il picco della fama della scrittrice: questo è l’anno del libro “Piccole Donne”, dove descrive in un libro semiautobiografico dove descriveva umoristicamente le sue esperienze giovanili con le sorelle. Scrisse anche “Piccole Donne Crescono” nel 1869, “Piccoli Uomini” nel 1871 e “I ragazzi di Jo” del 1886.

Nel 1879 muore anche l’altra sorella minore, May, e la scrittrice prende in “adozione” la figlia di soli due anni.

Negli ultimi anni della sua vita, la Alcott fu un’accanita sostenitrice del suffragio universale esteso alle donne.

Louisa Alcott muore a Boston il 6 marzo del 1888 (due giorni dopo la morte del padre) a causa di un colpo apoplettico (molto probabilmente causato da un avvelenamento di mercurio riscontrato durante la guerra civile americana, durante la quale fu curata con questa sostanza).

Hai bisogno di aiuto in Autori e opere 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email