blakman di blakman
VIP 9176 punti

Giusti, Giuseppe - Sant'Ambrogio

Vostra Eccellenza, che mi sta in cagnesco
per que' pochi scherzucci di dozzina,
e mi gabella per anti-tedesco
perché metto le birbe alla berlina,

0 senta il caso avvenuto di fresco
A me che girellando una mattina
càpito in Sant'Ambrogio di Milano,
in quello vecchio, là, fuori di mano.

Commento:

Questa poesia del Giusti presenta una felice fusione di satira e commozione. L'autore racconta di un fatto accadutogli realmente nella basilica di S.Ambrogio a Milano,dove si trovo in mezzo ad un gruppo di soldati austriaci,che allora occuparono il Lombardo-veneto. Al primo sentimento di ripulsa e odio per coloro che rappresentavano l'oppressione e la privazione della libertasubentra un senso di comprensione e commozione per quei soldati, lontani dalla loro patria e dai loro affetti,ridotti a strumenti di sopraffazione. Il canto di quei soldati,pieno di nostalgia,commuove il poeta e ci fa intravedere una grande verita: che l'odio tra i popoli è un sentimento troppe volte indotto da chi detiene il potere per meri fini di conquista.

Registrati via email