Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Scuola: novità sull'età dell'obbligo

L'obbligo scolastico potrebbe scendere a 15 anni invece degli attuali 16. Infatti chi lavorerà con contratto di apprendistato potrà cominciare a lavorare già dai 15 anni

Daniele | Segui su Google+ - 21 gennaio 2010 24 commenti
E io lo dico a Skuola.net
L'ultimo anno della scuola dell'obbligo si può assolvere anche lavorando. Quindi non sarà più necessario andare a scuola fino a 16 anni, ma già a 15 si potrà intraprendere un percorso lavorativo. Lo ha stabilito la commissione Lavoro della Camera, approvando un emendamento collegato alla finanziaria.

NOVITA' - La legge recita "l'obbligo di istruzione si assolve anche nei percorsi di apprendistato per l'espletamento del diritto dovere di istruzione e formazione". Di fatto, dunque, si potrà cominciare a lavorare come apprendisti già a 15 anni e questo varrà come se si fosse stati in classe.

COSA NE PENSA IL GOVERNO- Nei giorni scorsi il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, aveva anticipato l'intenzione di valorizzare l'apprendistato: "La mia idea è di abbassare l'età del primo impatto con il lavoro, anche con un contratto a causa mista come l'apprendistato», portando l'età di accesso dai 16 ai 15 anni".

CONTROTENDENZA- Questa novità legislativa risulta essere in controtendenza rispetto a quanto si è cercato di fare in passato, ovvero alzare l'età di obbligo scolare oltre il limite dei 14 anni. Anni fa, infatti, si voleva portare l'obbligo scolastico fino a 18 anni, come avviene in molti paesi europei. Alla fine si arrivò al compromesso dei 16 anni, che permette quindi agli studenti di frequentare almeno tre anni di medie e un paio di superiori, salvo bocciature. In ogni caso a 16 anni si è liberi di lasciare il sistema scolastico senza nessun ulteriore titolo, visto che molte scuole professionali rilasciano attestati dopo tre anni.

INCORAGGIARE LA FORMAZIONE - Un paese come il nostro deve puntare su Formazione e Ricerca per non perdere il confronto con paesi più poveri dove la manodopera non specializzata è più a buon mercato. Quindi andrebbe incentivato e aiutato qualsiasi cittadino a completare un percorso di formazione superiore, sia esso un liceo, un tecnico o un professionale. Ci sembra che questo provvedimento non riesca a raggiungere questo effetto, ma anzi vada nella direzione contraria. Se io infatti fossi un ragazzo che ha un po' di problemi a scuola, magari bocciato pure un anno alle medie, potrei pensare tranquillamente di andare subito a lavorare...
Contenuti correlati
Registrati via email