Studenti o numeri? Università e abusi di potere…

Mirko C.
Di Mirko C.

Oggi laurearsi è diventato un percorso ad ostacoli dove alla difficoltà delle materie si aggiunge il comportamento despotico e non collaborativo dei docenti e la cattiva organizzazione dei corsi

Sempre più spesso si parla di fuori corso, di studenti svogliati e fannulloni, senza amore e passione per le discipline che studiano. Pochi, però, parlano del rovescio della medaglia: il comportamento dispotico di molti professori universitari che, sempre più frequentemente, è causa degli insuccessi di molti studenti.

ESAMI UNIVERSITARI TRA MORTIFICAZIONI E ABUSI DI POTERE - Basta una risposta poco gradita, un’occhiata sbagliata, un vestito appariscente. Basta nulla per farsi nemico un professore universitario. Piovono a raffica le segnalazioni di studenti vittime di soprusi, la costante è quasi sempre la stessa: violenza morale su tutti i livelli. Non è raro assistere, in sede d’esame o di lezione, a mortificazioni, insulti o veri e propri abusi di potere. La situazione, sicuramente non nuova in ambito accademico, appare così illogica e intollerabile: i docenti dovrebbero avere la responsabilità di guidare gli studenti in un cammino verso la conoscenza e il sapere, non portarli verso la disperazione e il disamore verso la materia.

ESAMI IMPOSSIBILI O PROFESSORI INFLESSIBILI? - Una studentessa ci scrive per raccontarci la sua storia, vessata da un professore “dal carattere difficile e prepotente, che abusa del suo potere di autorità”. Il suo racconto è simile a quello di altre centinaia di ragazzi e ragazze: “Inizio con il dire che odia gli studenti, che tratta male le persone che egli non considera importanti, noi studenti per l’appunto”. Esami buttati al vento per cavilli, brillanti scritti annullati da orali portati al livello estremo di difficoltà e di esasperazione. Sicuramente non è così che si fa formazione. Non bisogna meravigliarsi se poi gli studenti si trovano a non rispettare i tempi previsti dal piano di studi. In molte facoltà, infatti, l’impegno per sessione è decisamente sovradimensionato rispetto alle reali capacità dello studente: anche 4 o 5 esami concentrati in uno o due mesi. E a volte capita di non riuscire a passare qualche esame semplicemente per un capriccio del prof che “guardando il libretto si era accorto che avevo sostenuto un altro esame una settimana prima. Tragedia! Il suo esame non può prepararsi in una sola settimana, e non mi fa passare per questo”.

EMAIL E PROGRAMMI D’ESAME ONLINE, QUESTI SCONOSCIUTI… - Ma i problemi non si verificano soltanto nel momento dell’esame, molto spesso cominciano prima. Per coloro che, infatti, si trovano a non poter frequentare assiduamente le lezioni per motivi di lavoro o famiglia, preparare un esame può essere una vera giungla. Nell’era della digitalizzazione, delle nuove metodiche didattiche innovative, l’esperienza degli studenti è che in molte università di digitale ci sia poco o niente. Professori che non rispondono alle e-mail, orari di ricevimento irreperibili, programmi d’esame introvabili, siti di scarsa usabilità e con pochissime informazioni. Non parliamo di atenei del terzo mondo, basta vedere i siti di alcune facoltà della Sapienza di Roma per rendersene conto: lo studente è completamente abbandonato a se stesso, nell’impossibilità di sapere cosa studiare e in quali tempi, visto che molto spesso mancano anche le date degli appelli d’esame.

STUDENTI: PERSONE NON NUMERI - Solo con una collaborazione ad armi pari, un continuo dialogo e scambio di conoscenze, competenze ed esperienze tra docenti e studenti, in un contesto di autorevolezza e non di autorità, l’università potrà riacquisire il valore originario. Non è sufficiente spendere soldi se poi a mancare è il capitale umano, formato da persone capaci di comprendere e formare altre persone, non di pseudo-dittatori chiamati a sfogare la propria sete di autorità su quelli che considerano solo ed esclusivamente numeri e verbali da riempire.

Commenti
Skuola | TV
Skuola Tv

Sesso sicuro, come proteggersi? Tutte le risposte nella prossima puntata della Skuola | Tv!

7 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta