Università, crediti in euro ai più bravi

Margherita Paolini
Di Margherita Paolini

la Bicocca di Milano ha promosso l'iniziativa dei crediti di merito

Se studi sarai premiato a prescindere dal tuo reddito: questa l’iniziativa che entrerà in vigore dal prossimo anno all’Università Bicocca di Milano. Gli studenti migliori dei corsi di studio riceveranno i cosiddetti crediti di merito da reinvestire in cinque modi diversi, dal pagamento delle tasse all’acquisto dei libri. Il provvedimento approvato dal consiglio di amministrazione dell’università è stato così reso noto due giorni fa. Ma la Bicocca si segnala anche per l’incremento dei fondi per le borse di studio di ateneo e il taglio della quota di partecipazione ai test d’accesso.

I CREDITI DI MERITO- Dal prossimo anno accademico gli studenti iscritti al primo anno dei corsi di laurea triennale o magistrale, e quelli che conseguano il diploma di laurea triennale o a ciclo unico restando in corso, avranno diritto a dei buoni sconto da 125 euro fino a un massimo di 500 a studente. La condizione per accaparrarsi questi bonus è mantenere una media alta e sostenere gli esami nei tempi previsti, insomma segnalarsi come studenti brillanti. Questo il piano dei crediti di merito promosso dalla Bicocca di Milano, e supportato da un finanziamento di 500mila euro del bilancio d’ateneo. Previsto un credito in più, inoltre, per gli studenti con reddito Iseeu inferiore a 20mila euro e senza borsa di studio. Il rettore dell’università ha commentato così l’iniziativa: “L'obiettivo è incoraggiare i giovani a entrare nei tempi giusti e al meglio nel mondo del lavoro ma credo sia anche un contributo per restituire all'impegno e alla qualità il senso positivo che meritano”.

PREMIO AI MERITEVOLI- Il valore corrispettivo di ciascun credito di merito verrà accreditato sul badge dello studente e potrà essere speso entro due anni per pagare le tasse universitarie, ottenere uno sconto per l’iscrizione ad un master, comprare libri o corsi di lingua, per rimborsi sugli abbonamenti al trasporto locale, o anche come ulteriore finanziamento per l’Erasmus. Insomma si tratta di un provvedimento volto davvero a valorizzare la meritocrazia e incitare i ragazzi ad impegnarsi nello studio.

ATENEO GENEROSO- Ma quest’anno la Bicocca si segnala anche per altri recenti provvedimenti volti ad andare incontro alle esigenze degli studenti. Così, sebbene le borse di studio Cidis siano notevolmente diminuite, tagliando fuori 428 ragazzi che avevano tutte le carte in regola per poterle ottenere, aumentato il finanziamento per le borse d’ateneo dell’1,5% sfiorando quest’anno i 2.340.000 euro. Inoltre l’Università ha deciso anche di tagliare la quota di partecipazione ai test d’accesso riducendola così da 50 a 10 euro.

E a te piacerebbe che anche nella tua università ci fossero i crediti di merito?

Margherita Paolini

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv va in vacanza!

Anche la Skuola Tv prende un momento di pausa, ma non preoccuparti in autunno torneremo a farti compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta