Primo giorno di lavoro? Le dritte per fare colpo

francesca_fortini
Di francesca_fortini

 primo giorno di lavoro? Le dritte per fare colpo

Finita l’esperienza universitaria, è il momento di immergersi nel veramente poco conosciuto mondo del lavoro. Tralasciando il lungo e faticoso step iniziale della ricerca del posto perfetto, dei vari colloqui da sostenere, come sostenerli, come realizzare un CV accattivante e via dicendo, sentiamoci ottimisti e arriviamo al passo direttamente successivo. La tanto attesa telefonata arriva e bisogna prepararsi al primo giorno di lavoro. Ma in qualsiasi ambiente professionale ci si inserisca, è importante ricordare che la prima impressione conta e non poco. Adecco Italia, che da anni mette la propria esperienza proprio a disposizione dei giovani (e non solo) che cercano occupazione, ha realizzato un’infografica esemplificativa, un vademecum da seguire alla lettera per non commettere nessun passo falso il primo giorno di lavoro ed entrare subito in sintonia con capi e colleghi.

Stai cercando un lavoro? Guarda il video con i consigli sul colloquio di lavoro!


Fonte video AdeccoItaliaTv

COSA INDOSSARE – Prima di tutto, bisogna pensare all’outfit adeguato per presentarsi a chi ancora non si conosce, ma con cui si condivideranno i prossimi mesi o anni di vita. La parola d’ordine, in questa direzione, è buon senso. “Guardati in giro. In fase di colloquio hai potuto osservare lo stile dell’azienda e dei suoi dipendenti: adegua il tuo look per non essere un pesce fuor d’acqua”. Quindi, sì all’abito per l’uomo se anche i colleghi lo indossano, altrimenti adeguarsi alla t-shirt è la scelta migliore. Per le donne, invece, bandite scollature, gonne troppo corte, trasparenze, uno stile sciatto o accessori troppo appariscenti.

COME COMPORTARSI – Una volta passato lo step visivo dell’abbigliamento, arriva il momento di presentarsi ufficialmente e mostrare il proprio modo di essere e comportarsi. Questi, i punti da seguire assolutamente:


    -Sii formale, ma cordiale: una stretta di mano convincente e un sorriso rompono sempre il ghiaccio;
    -Dai del “Lei” a tutti, saranno il tuo capo e le persone che ti vengono presentate ad autorizzarti a
    passare al “Tu”;
    -mostrati curioso verso le attività lavorative per imparare più rapidamente, ovviamente senza
    assillare i colleghi;
    -Cerca di memorizzare rapidamente ruoli e organigramma;
    -Se i tuoi colleghi vanno a pranzo insieme o a prendere il caffè, aggregati: è il primo passo per fare
    squadra.


COSA EVITARE ASSOLUTAMENTE – Alcuni comportamenti tipici dello studente universitario, certo più abituato a relazionarsi con altri studenti e, al massimo, coi professori, piuttosto che con un ambiente lavorativo vero e proprio, potrebbero dare una cattiva impressione sugli altri. Evitare, dunque, assolutamente, di arrivare in ritardo: in azienda non esiste il quarto d’ora accademico. Il consiglio, in questo senso, è di calcolare la possibilità di incappare in imprevisti e quindi anticipare l’ora di uscita: meglio arrivare prima che dopo. In secondo luogo, evitare i comportamenti troppo informali e tendenti al goliardico, anche se l’ambiente è particolarmente giovane e dinamico è pur sempre un posto di lavoro. Smartphone personale in borsa e, se possibile, spento: meglio dimenticare di possederlo fino all’ora di pranzo.

LE PAROLE CHIAVE DA MEMORIZZARE - Seguendo queste semplici linee guida il primo giorno di lavoro non risulterà così drammatico come potrebbe sembrare. In una sintesi di quanto appena detto, Adecco Italia propone le 5 parole chiave da memorizzare e tenere sempre a mente: serenità, curiosità, ambizione, flessibilità e ascolto.

#primogiornolavoro: ecco le dritte da seguire

Francesca Fortini

Commenti
Skuola | TV
Skuola Tv

Sesso sicuro, come proteggersi? Tutte le risposte nella prossima puntata della Skuola | Tv!

7 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta