Test Invalsi 2017, solo 1 su 7 vuole boicottare. Ma in molti storcono la bocca, anche tra i prof

Marcello G.
Di Marcello G.

sondaggio prove test invalsi 2017

Come ogni anno l’inizio di maggio coincide non solo con l’ultimo mese di scuola. Perché per gli studenti delle secondo classi delle superiori è anche il momento dei tanto temuti Test Invalsi della scuola superiore. Prove di comprensione e ragionamento – in Italiano e Matematica - che non sono mai state ben digerite dai ragazzi e dai loro docenti. Non è un caso che il 9 maggio – giorno della prova nazionale – parte del mondo della scuola abbia deciso di boicottare i Test organizzando manifestazioni e proteste in tutta Italia. Ma dovranno farsene una ragione: dall’anno scolastico 2018/2019 le prove Invalsi diventeranno determinanti per l’accesso all’esame di stato. Ma come stanno vivendo gli studenti – e i loro professori – la vigilia dei Test? Come li giudicano? Qual è il loro atteggiamento? Skuola.net lo ha chiesto a più di 2000 ragazzi delle scuole superiori, alcuni dei quali dovranno sostenere la prova. Ebbene, il 14% degli intervistati (tra quelli che il 9 maggio saranno chiamati a cimentarsi con i test Invalsi) ha detto di voler boicottare il questionario. Un dato in netto calo rispetto allo scorso anno, quando addirittura 1 studente su 4 avrebbe voluto saltare la prova. Segno che la ‘cultura’ dell’Invalsi sta lentamente prendendo piede.

Ascolta l'intervento di Daniele Grassucci, co-founder di Skuola.net su Radio2

Ascolta "Invalsi 2017: cosa pensano gli studenti - Radio2 - Daniele Grassucci - 09052017" su Spreaker.

Test Invalsi, 1 contrario su 4 è appoggiato dai prof.

Non sempre, però, sono i ragazzi i promotori del boicottaggio. Se, come anticipato, una discreta rappresentanza di studenti farebbe volentieri a meno dei Test, una buona fetta – circa 1 su 4 – si sente appoggiato dai prof, che a loro volta si oppongono a questo sistema di valutazione. Anche se, poi, la metà di quelli che sono in seconda superiore vedono i propri docenti assolutamente a favore dell’Invalsi. E un altro 35% ha detto che gli insegnanti, pur non condividendo la prova, hanno comunque invitato i ragazzi a partecipare. Risulta così marginale la quota di chi sostiene che i professori hanno permesso di non andare a scuola (l’8%) oppure hanno promesso di lasciar copiare durante il test (il 7%).

Invalsi 2017, due terzi degli studenti ‘costretti’ a sostenerli

Ma partecipare agli Invalsi non significa necessariamente crederci. Solo il 21% dei ragazzi convolti considera il Test un buon metodo di valutazione. Il 65%, al contrario, entrerà in classe storcendo la bocca e sostenendo le prove solo perché costretto. La conseguenza è che poco più della metà degli studenti si sta preparando per l’occasione: il 17% ripassando i programmi d’italiano e matematica, il 38% facendosi aiutare dai docenti nella selezione degli argomenti che potrebbero capitare nel test. E gli altri? O si affideranno alla sorte, rispondendo a caso alle domande (farà così, almeno nelle intenzioni, il 35%) oppure cercheranno di copiare direttamente (ci proverà 1 studente su 10).

Le perplessità dei docenti: solo 1 su 4 inserirà il voto delle prove Invalsi nella media scolastica

E i professori? Come giudicheranno le prove? La maggior parte saranno indulgenti, anche quelli che ‘costringeranno’ i ragazzi a esserci: il 45% non metterà un voto valido per la media scolastica perché non credono che i quiz rispecchino i programmi e un altro 15% pensa che le prove siano ingiuste. Solo 1 docente su 4 correggerà i test e gli darà un voto ‘vero’, comunque vadano, mentre il 17% prenderà in considerazione il voto ai fini della media solo se il risultato sarà stato buono.

Invalsi alla maturità? No, grazie. Ma gli studenti sono favorevoli all’Inglese

I Test Invalsi, però, interessano prima o poi tutti. Quindi ci è sembrato opportuno capire come li vedono anche gli altri studenti. Iniziamo col dire che la metà dei ragazzi delle superiori è contrario alla formula delle prove. E che, stando a quanto raccontato dagli intervistati, in 1 scuola su 3 sono pronti ad organizzare una protesta in concomitanza con l’appuntamento del 9 maggio. In più, quasi 3 su 4 respingono l’ipotesi (che però, ormai, è una certezza) degli Invalsi in quinto superiore: per il 44% non aiutano a valutare le competenze, per il 28% non dovrebbero essere un requisito per l’accesso all’esame di maturità. In molti, invece, sono favorevoli all’introduzione all’interno dell’Invalsi anche di una prova d’inglese: il 45% la ritiene una competenza di base.

Piace l’idea di un test di valutazione anche per i docenti

E si invertissero i ruoli? Se fossero valutati anche i docenti? Per 2 ragazzi su 3 sarebbe utile anche ai prof, per migliorare il proprio metodo d’insegnamento. Il 43% dei partecipanti al sondaggio ha anche dichiarato di averlo effettivamente svolto: un questionario che, per la gran parte di loro, è servito a far emergere meriti e carenze. E se le prove Invalsi servissero anche a giudicare l’operato degli insegnanti? Un terzo degli studenti le affronterebbe sicuramente più volentieri. Una valutazione che dovrebbe avere un focus soprattutto sulla capacità di far appassionare alla propria materia e sul tipo di rapporto che sono riusciti a instaurare con i ragazzi.
Commenti
Skuola | TV
Non perdere l'ultima puntata della stagione!

Anche la Skuola Tv va in vacanza. Mercoledì prossimo infatti, ci sarà l'ultima puntata...tranquillo perchè dopo l'estate torneremo!

28 giugno 2017 ore 16:30

Segui la diretta