Gira un video e vai in tv

Cristina Montini
Di Cristina Montini

“Un minuto di diritti” è il concorso lanciato dall’Unicef per coinvolgere giovani e giovanissimi in un progetto importante: l’affermazione dei diritti che riguardano bambini, ragazzi e adolescenti. L’idea nasce dal desiderio di rendervi partecipi di una iniziativa creativa e divertente: basta un video di 1 minuto e diventerete registri dei vostri diritti.

UN MINUTO PER FAR VALERE I VOSTRI DIRITTI - Il concorso è nato in occasione della celebrazione dei 20 anni della Convenzione sui diritti dell’Infanzia (che potete scaricare cliccando qui) che, approvata dalle Nazioni Unite nel 1989, contiene l’elenco di tutti i diritti e le forme di tutela che gli adulti devono garantire ai minori. E così, Rai, UNICEF Italia, Ministero della Pubblica Istruzione hanno presentato il concorso Un minuto di diritti rivolgendosi a ragazzi di età compresa tra i 4 e i 18 anni e invitandoli a girare un cortometraggio (cortissimo a dire la verità) basato, appunto, sui loro diritti.

DIRITTO DI PARTECIPAZIONE - Il tema trattato nel videoclip, quindi, dovrà prendere spunto dai diritti dell’infanzia e, più precisamente si dovrà basare proprio sul diritto alla partecipazione, ovvero il riconoscimento ai bambini e ai ragazzi della libertà di esprimere se stessi e le proprie idee per partecipare attivamente alla vita sociale del proprio paese. Imparare a conoscere quali sono i propri diritti, infatti, è il primo fondamentale passo per riuscire a difenderli e, con questo concorso, si da ai giovani un’occasione in più per apprendere cosa significa far parte di una società civile democratica.

IL CONCORSO - Ecco allora le condizioni per partecipare al concorso. Le categorie esistenti sono 3, distinte in base all’età del “regista”: Kids (4-7 anni), Tween (7-12) e Teen (13-18). Si può partecipare sia in gruppo che singolarmente, l’importante è che il video non superi i 90 secondi (compresi i titoli di testa e di coda) e che sia girato in lingua italiana o, se esistono eventuali dialoghi in lingua straniera, questi dovranno essere sottotitolati. Una volta girato il video, una copia di questo dovrà essere inviata attraverso il sito Un minuto di diritti; si possono inviare fino ad un massimo di 3 video e si ha tempo fino al 25 ottobre. Dopodiché, una Commissione di esperti valuterà tutti i lavori realizzati e sceglierà i migliori.

I VINCITORI IN TV - I video vincitori saranno trasmessi, nella settimana tra il 15 e il 22 novembre, in tutte le principali reti televisive dedicate ad un pubblico giovanile: Junior, Rai Due, Rai Tre, Raisat Smash Girl, Raisat Yoyo, Rai Gulp, Rai Educational e saranno visibili su tutti i siti partner dell’iniziativa. Inoltre, ai giovani “registi” vincitori del concorso, sarà data la possibilità di partecipare, il 20 novembre, ad uno degli eventi organizzati dall’Unicef Italia per la celebrazione del ventennale della Convenzione. E, ancora, i vincitori entreranno automaticamente a far parte del network oneminutejr internazionale che culmina ad Amsterdam, con lo Stranger Festival.

CREATIVE COMMONS - Da non dimenticare poi, in tema di diritti, che i video inviati sono coperti dalla licenza Creative Commons, vale a dire che, anche se il filmato potrà essere proiettato a titolo gratuito in pubblico, vi verranno sempre garantiti tutti i diritti sul vostro cortometraggio venendone riconosciuti come gli autori. Se siete interessati a questa iniziativa vi invitiamo a visitare il sito ufficiale del concorso www.unminutodidiritti.rai.it, dove tra l’altro potrete anche vedere i video già inseriti, magari per prendere qualche spunto.

Che ne pensate di questa iniziativa? Lo sapevate che esisteva una carta dei vostri diritti? Scrivetecelo commentando la news.

Commenti
Skuola | TV
Skuola Tv

Sesso sicuro, come proteggersi? Tutte le risposte nella prossima puntata della Skuola | Tv!

7 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta