Usi eMule? Ti tolgono la connessione

Cristina Montini
Di Cristina Montini

Ci risiamo: un nuovo provvedimento contro la pirateria on line è entrato in vigore in questi giorni. È accaduto in Francia, dove è appena stata approvata la legge contro il download illegale di file protetti da copyright. È stata già ribattezzata la “legge dei 3 schiaffi” e, naturalmente, non ha tardato ad alzare un coro di proteste e dissensi.

LA FRANCIA CONTRO I PIRATI - Ma in Francia era già nell’aria da tempo l’idea di trovare una soluzione al diffuso fenomeno della pirateria on line. Se vi ricordate, infatti, un progetto di legge in tal senso era stato approvato nell’aprile scorso, trovando, però, a giugno il blocco della Corte Costituzionale francese che dichiarò il provvedimento in contrasto con i principi di libertà di comunicazione ed espressione sanciti dalla loro Carta sui diritti umani. Tuttavia Sarkozy non ha voluto sentire ragioni e il governo francese è dunque approdato ad una nuova stesura della legge che ha introdotto severe punizioni per chi nel web cerca di fare il “furbetto”.

DUE GLI AVVERTIMENTI… - La nuova legge dispone che, chi verrà sorpreso a scaricare abusivamente film, giochi, software e quant’altro su cui vertono i diritti d’autore, si vedrà recapitare prima un avviso e-mail con l’intimazione di non proseguire in questo suo “passatempo” illegale e, poi, nel caso in cui l’internauta si facesse di nuovo prendere dalla tentazione di un download illecito, seguirà un nuovo avviso, questa volta cartaceo. Se, nonostante questi avvertimenti, il pirata del web dovesse comunque continuare a fare le orecchie da mercante, la nuova Authority francese, l’Hadopi, lascerà stare le buone maniere e passerà all’azione.

… AL TRE SCATTANO LE FORBICI - Dopo i due avvertimenti, infatti, l’Hadopi farà in modo di ottenere una ufficiale condanna da parte di un giudice e procederà a tagliare la connessione del navigatore recidivo. La nuova legge, però, a questo punto propone anche delle punizioni alternative, sebbene poco allettanti. Il cyber-criminale potrà scegliere anche di espiare le sue colpe pagando una ammenda di ben 300 mila euro. E siccome in Francia hanno pensato proprio a tutto, nell’ipotesi in cui si sia squattrinati, si può anche optare per due anni di carcere.

BACCHETTATE ANCHE AGLI AMICI - Inoltre, per evitare che il “diffidato”, forse preso da crisi di astinenza, corrompa un amico per farsi lasciare a disposizione la sua rete telematica, è stata prevista una sanzione anche per colui che presta ad altri il proprio account internet per scaricare file illegalmente. L’amico, accusato di “negligenza”, sarà punito con una multa di 1500 euro e la sospensione della connessione fino ad un mese.

TU CHE NE PENSI? - Come c’era da aspettarsi, l’opposizione a questa norma è decisamente ampia e molti sono i francesi che non hanno intenzione di arrendersi ad essa, annunciando che si cercherà nuovamente di dimostrarne l’incostituzionalità. Ma, non solo in Francia, in tutto il mondo continua ad essere vivo più che mai il dibattito tra chi, da una parte, ritiene che sia giusto e doveroso proteggere il lavoro di artisti e professionisti e chi, dall’altra, invece, sostiene che comunque le leggi anti-pirateria siano assolutamente inutili di fronte alle attuali potenzialità della tecnologia. E anche sul forum di Skuola.net si discute e ci si confronta su questo tema. D’altronde il download illegale riguarda soprattutto (ma non esclusivamente) i giovani, probabilmente più interessati a musica, cinema e giochi virtuali e forse anche più pratici nell’utilizzo delle nuove tecnologie.

Se anche l’Italia, un giorno, dovesse adottare una legge di questo tipo, tu come reagiresti? Dì la tua commentando l'articolo!

Commenti
Skuola | TV
Ogni ragazzo è speciale!

'Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali' questo e molto altro nella prossima puntata della Skuola Tv!

14 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta