1 su 3 dà cellulare a persone conosciute online

Cristina Montini
Di Cristina Montini

Safer internet day 2012

Cosa sanno i genitori delle vostre “navigate” in rete? Nascondete siti visitati e persone conosciute in chat oppure per mamma e papà siete un libro aperto? Oggi parliamo del rapporto tra generazioni che peraltro è proprio il tema del Safer Internet Day di quest’anno.

SAFER INTERNET DAY 2012 - “Insieme. Più connessi. Più sicuri.” È lo slogan della Giornata per la sicurezza in rete 2012 che si celebra oggi 7 febbraio e pone l’accento sulle difficoltà di genitori e figli, adulti e adolescenti, nel comunicare in un’epoca in cui scambiarsi messaggi attraverso internet è fin troppo semplice. Una ricerca condotta da EU Kids Online dimostra che il 63% dei genitori suggerisce ai figli come comportarsi in rete. Peccato, però, che poi il 39% dei ragazzi ammetta di non tenere conto dei loro consigli quando naviga su internet.

I CONSIGLI DEI GENITORI - La stessa ricerca mette in mostra anche un altro dato interessante: il 13% dei vostri genitori non parla con voi di come muoversi nel web, dei rischi e dei pericoli in cui potreste incorrere e di come difendervi. E se anche vi danno dei consigli su come comportarvi, il 39% dei ragazzi italiani dichiara comunque di ignorare qualche volta questi suggerimenti, mentre l’8% li ignora sistematicamente sempre. In genere si fidano delle vostre capacità e molte volte siete più bravi voi di loro con mouse e tastiera, ma questo non basta.

RISCHI QUOTIDIANI - Continuare a parlare di sicurezza in rete è importante perché molti di voi ancora ignorano o sottovalutano le conseguenze di comportamenti abituali. Guardate un po’ queste cifre raccolte da Save The Children:
1 ragazzo su 3 invia o riceve messaggi a sfondo sessuale;
il 32% dei teenager dà il suo numero di cellulare a qualcuno conosciuto online;
il 27% si dà appuntamento di persona con qualcuno contattato in internet;
il 17% ha rapporti intimi con persone contattate via web.

SICURI IN RETE – C'è un divario sensibile tra i comportamenti effettivi on line dei ragazzi e la percezione che ne hanno i genitori. E così Save the Children, di intesa con Adiconsum, ha dato vita ad un comitato, “Giovani on line”, che riunisce 50 organizzazioni tra cui istituzioni, società scientifiche, media, e le più importanti industrie ICT (Information and Communication Technologies) e di telefonia mobile per aiutare genitori e figli a dialogare sul tema della sicurezza in rete. Tra queste organizzazione non poteva di certo mancare Skuola.net che da sempre è in prima linea per la sicurezza in rete dei giovani. Ecco cosa è stato fatto finora:

Lo spot “Insieme. Più connessi. Più sicuri” - Uno spot di un minuto, realizzato in occasione della Giornata, mostra in chiave ironica il rapporto tra genitori e figli quando si parla di internet, con un intervistatore che rivolge in parallelo la stessa domanda a genitore e figlio, come in un ipotetico quiz show tutto dedicato al web. Le risposte date dal genitore e dal figlio sono sempre diverse, a sottolineare la distanza tra gli uni e gli altri. Distanza che però deve essere appianata, affinché il genitore possa realmente essere di supporto ai figli per una navigazione sicura e consapevole. Lo spot viene diffuso attraverso i canali messi a disposizione dalle organizzazioni che partecipano all’iniziativa.

Il Safer Internet Day nelle scuole - Sono oltre 1.200 scuole che, su invito del Ministero della Istruzione, hanno deciso di aderire alla Giornata organizzando iniziative di confronto e di sensibilizzazione con i ragazzi.

Per approfondimenti vai alle sezione di Skuola.net dedicata alla Sicurezza in rete
Oppure visita il sito Sicurinrete.it

Cosa avete fatto a scuola oggi per il Safer Internet Day?

Cristina Montini

Commenti
Skuola | TV
Skuola Tv

Sesso sicuro, come proteggersi? Tutte le risposte nella prossima puntata della Skuola | Tv!

7 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta