Marijuana: vi può costare cara… per la salute

Cristina Montini
Di Cristina Montini

Se finora tutti gli avvertimenti sui possibili effetti negativi derivanti dall’uso di cannabis e le molte raccomandazioni di non fumare erba, vi sono suonate come voci perbeniste e anche un po’ bigotte, ora probabilmente è giunto il momento di dare maggiore attenzione a chi ci mette in guardia dai pericoli dello spinello. Tra gli “effetti collaterali” della marijuana non ci sarebbero solo quelli che colpiscono la psiche, il sistema endocrino e quello circolatorio, ma secondo una ricerca americana, riportata dal Corriere della Sera, l’abitudine di farsi una canna aumenta la probabilità di ammalarsi di cancro ai testicoli.

LO STUDIO - Lo sostengono, in uno studio pubblicato sul numero del 9 febbraio della rivista Cancer, ricercatori del Fred Hutchinson Cancer Research Center, che hanno analizzato i casi di 369 uomini tra i 18 e i 44 anni con una neoplasia testicolare confrontandoli con quelli di 979 coetanei sani. Hanno così scoperto che il rischio di sviluppare questa forma di cancro fra quanti hanno dichiarato di utilizzare canapa indiana è superiore del 70 per cento e risulta particolarmente elevato (circa il doppio in confronto a chi non ha mai fumato erba) fra quanti hanno rivelato di fumare marijuana almeno una volta alla settimana e/o ne hanno fatto uso per un lungo periodo iniziando dall’adolescenza.

LA FORMA PIÙ AGGRESSIVA - Il pericolo, inoltre, pare legato esclusivamente al non seminoma, la variante meno diffusa di neoplasia testicolare (circa il 40 per cento dei casi), ma che cresce con maggiore rapidità e tende a colpire i ragazzi giovani, fra 20 e 35 anni. «Dobbiamo ampliare lo studio e approfondire le analisi – ha detto Stephen Schwartz, epidemiologo autore della ricerca -, per capire bene quali siano i legami fra la malattia e l’uso di canapa indiana e perché risulti una relazione con un tipo soltanto di tumore delle ghiandole genitali maschili». L’altro tipo di tumore testicolare, il seminoma, è più frequente, con un’evoluzione più lenta e interessa solitamente uomini fra i 30 e i 40 anni.

ANCORA DA SCOPRIRE GLI EFFETTI COLLATERALI DELL’ERBA – «Quello che è importante far capire ai ragazzi – sottolineano gli autori della ricerca – è, soprattutto, che si sa ancora molto poco delle conseguenze a lungo termine del fumo di marijuana, specialmente per chi ne fa un uso massiccio. Quindi è un "divertimento" azzardato, di cui è bene conoscere i pericoli». Fra l’altro, quello dei testicoli è sì definito un tumore raro (sono circa mille i nuovi casi ogni anno in Italia), ma è la neoplasia più frequente nei giovani maschi adulti: soltanto l’1 per cento, infatti, interessa uomini sopra i 40 anni. Il tasso di guarigioni fortunatamente è altissimo (intorno al 90 per cento) e le strategie di cura ormai consolidate, sia mediche che chirurgiche, garantiscono ai pazienti un’ottima qualità di vita futura.

STATE IN GUARDIA - Ma anche di fronte ad un tasso di guarigioni così elevato, rimane pur sempre un bel 10% di ragazzi che pagano molto cara la leggerezza con cui fanno uso di questa sostanza stupefacente. E se poi qualcuno obbiettasse che la cannabis non sia poi così pericolosa, visto che viene utilizzata anche nella medicina per scopi terapeutici, ricordate che molti sono ancora gli studi che cercano di accertare quali siano i suoi effetti positivi e quali quelli negativi per la salute umana e che quindi, è meglio stare in guardia!

Commenti
Skuola | TV
Ogni ragazzo è speciale!

'Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali' questo e molto altro nella prossima puntata della Skuola Tv!

14 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta