Murphy, più che una legge, una filosofia di vita

Cristina Montini
Di Cristina Montini

Fisici, matematici, scienziati: nel corso della storia, uomini e donne illustri, grazie al loro studio e alla loro costante applicazione, ci hanno fornito Leggi e Teoremi importanti che hanno avuto influenze notevoli nel sapere umano. E anche se a volte è un po’ difficile riuscire a ricordarsi le esatte formule e definizioni, per non parlare poi di come spuntarla quanto dobbiamo applicarle in un compito in classe, c’è qualcuno - forse non proprio uno scienziato, ma di sicuro un po’ genio anche lui sì - che ha creato una legge, la legge di Murphy, così rigorosa, ma allo stesso tempo così chiara, che è impossibile dimenticarla e che addirittura è diventata una filosofia di vita per molti, chiamata “murphologia”.

E LEGGE SIA! - “Se qualcosa può andar male, lo farà”, così recita la Legge di Murphy e la filosofia intorno alla quale la Legge e i suoi numerosi corollari ruotano si può riassumere in questo modo: “Sorridi, domani sarà peggio”. Ma andiamo ad analizzare ora il significato profondo di tale regola. La legge in questione, pur avendo molteplici applicazioni e prestandosi a formulazioni diverse, nel corso degli anni non ha mai avuto una dimostrazione scientifica, ma numerosi sono gli “esempi di vita” che sembrano provarne la sua validità.

COROLLARI E LEGGI COMPLEMENTARI - Il successo di tale legge, infatti, è dovuto alla sua capacità di ironizzare su fatti, misfatti e sfighe quotidiane che, nella vita di ognuno di noi, tendono a ripetersi con una certa regolarità. Prendiamo ad esempio il seguente corollario della Legge: “Tutto richiede più tempo di quanto si pensi”. Ora, a chi non è mai capitato di ritrovarsi in questa situazione quando, per fare una ricerca o un compito per casa si era progettato un’oretta, ma poi o per il computer che non funziona o per il telefono che squilla sempre, si finisce per impiegarci minimo minimo un’ora in più del previsto? Per non parlare poi della conseguente “Quarta legge di Finagle”: “Una volta che si è pasticciato qualcosa, qualsiasi intervento teso a migliorare la situazione non farà altro che peggiorarla”.


… E PARADOSSI - Il bello della Legge di Murphy è quindi proprio la sua capacità di adattarsi alle più svariate situazioni e contesti. Facciamo qualche esempio: “Se hai un compito in classe in cui puoi usare il libro, ti dimenticherai il libro a casa”, “Nessuno ti ascolta fino a quando non dici una boiata”. Ma la murphologia raccoglie anche un famoso paradosso “Il paradosso del gatto imburrato”, eccolo: “Se è vero che una fetta di pane cade sempre dal lato imburrato (ma anche se c’è la marmellata fa lo stesso), e se è vero che un gatto cade sempre in piedi (e questo è vero, anche se Paperissima a volte ci fa venire dei dubbi), allora lasciando cadere un gatto con una fetta di pane imburrato sulla schiena nessuno dei due cadrà mai per primo e si avrà il moto perpetuo”. Ora, provate a dimostrare il contrario…

E guai a pensare che la Legge di Murphy sia il frutto di una visione pessimistica della vita! Perché all’interno della vasta murphologia esistono non poche pillole consolatorie, come questa: “Se sei di buon umore, non ti preoccupare. Ti passerà.”

Commenti
Skuola | TV
Ogni ragazzo è speciale!

'Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali' questo e molto altro nella prossima puntata della Skuola Tv!

14 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta