Scarichi pirata? Ti tolgo la connessione

Cristina Montini
Di Cristina Montini


In Francia è stato appena approvato il progetto di legge che vieta il download illegale di materiale coperto da copyright e già la notizia ha fatto il giro del mondo destando preoccupazioni e polemiche tra gli amanti della condivisione di file in internet.

FRANCIA: UN'AUTHORITY PER SMETTERE DI SCARICARE - Non appena la legge entrerà in vigore, in Francia sarà istituita una nuova Authority, l'Hadopi, con il compito di vigilare nel web e acciuffare con le mani nel sacco gli utenti sorpresi a scaricare file illegalmente. Una volta individuati, l'Authoriry invierà loro fino a tre avvertimenti via e-mail o raccomandata per convincerlo a “redimersi”. Ma se, nonostante questo, il “pirata” persevera? La legge prevede che, se dopo un anno dai primi avvertimenti il vizio di scaricare non passa, si passerà alle maniere forti: la sospensione dell'abbonamento a internet da 2 a 12 mesi e l'iscrizione del cyber-furfante in un registro pubblico contenente i nomi di tutti coloro che sono stati beccati a “scaricare” e questo al fine di impedire loro che, semplicemente cambiando Provider, possano di nuovo ricollegarsi ad internet.


SVEZIA, L'APRIPISTA - L'hanno già soprannominata la “legge dei tre tagli” o “dei tre colpi”, riferendosi ai tre avvertimenti che i “poliziotti del web” dovrebbero dare prima di adottare la linea dura del taglio della connessione. Ma non è la prima legge in questo senso in Europa. È stata la Svezia, infatti, a fare da apripista in questo tipo di provvedimenti. E la legge svedese, approvata a febbraio ed entrata in vigore lo scorso 2 aprile, non ha tardato a produrre i suoi effetti.

40% DI ACCESSI IN MENO IN UNA SETTIMANA - In neanche una settimana dalla sua applicazione, in Svezia si è registrato un calo degli accessi in rete intorno al 40% e sono stati effettuati i primi arresti con sequestro di computer. Drastiche conseguenze, quindi. Ma qualcuno è già pronto ad affermare che neanche questa legge riuscirà a tenere a bada gli “scaricatori” più incalliti: tempo qualche settimana e, una volta capito come impostare i programmi in modo da non essere rilevati dai sistemi di identificazione, di nuovo download a volontà.

SARKOZY VA AVANTI - Ma nonostante gli esiti notati in Svezia, nonostante le polemiche seguite all'adozione di tale legge in Francia e nonostante la posizione contraria espressa dall'Unione Europea su questo argomento, Sarkozy è deciso ad andare avanti, mentre i francesi sono sempre più preoccupati.

Ma potrà una legge impedire realmente la pirateria on line? Voi cosa ne pensate dei tentativi di contenere il fenomeno della pirateria digitale? Scriveteci le vostre opinioni commentando la news.

Commenti
Skuola | TV
Amore e sessualità, quello che non sai sulla tua sicurezza

Sesso sicuro, come proteggersi? Tutte le risposte nella prossima puntata della Skuola | Tv!

7 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta