Cuddle party: farsi coccolare è alla moda

Cristina Montini
Di Cristina Montini

“Strapazzami di coccole!”: questo è il nuovo motto che fa tendenza in fatto di divertimento. Arrivano dritti dritti dagli Stati Uniti e sono i Cuddle Party, gli incontri a base di coccole ed affetto che hanno già contagiato Canada, Australia e sono ovviamente approdati pure in Europa (anche se, per ora, pare solo a Londra e Amsterdam).

SOS COCCOLE - Gli ideatori di questo originale modo di passare il tempo libero e di svagarsi dalle fatiche quotidiane sono due coach esperti in relazioni interpersonali, Reid Mihalko e Marcia Baczynski, che, notando la differenza tra la quantità di coccole e carezze che riceviamo, anche da parte di estranei, quando siamo piccini e graziosi e le poche attenzioni che, invece, ci vengono riservate quando cominciamo ad esser più grandicelli, hanno deciso, nel febbraio del 2004, di rendere accessibile a tutti la possibilità di usufruire di un caldo abbraccio: un party a base di coccole e il mondo diventa più bello, lo assicurano i due esperti.

NIENTE PAURA, CI SONO I GUARDIANI DELLE COCCOLE - Ma cosa succederà mai a queste feste? Cosa si nasconde dietro a tanta bontà? Sono solo 100% sane e “puffettose” coccole; niente alcol, niente droga e, tassativamente, niente sesso! Si tratta di luoghi sicuri dove dei gruppi di perfetti sconosciuti si incontrano per scambiarsi un po’ di carezze ed abbracci al cospetto, comunque, dei “Cuddle Party Lifeguard” che sono lì apposta per controllare che tutto fili liscio e che nessun malintenzionato fraintenda lo scopo della festa, che è, appunto, quello di ricevere e dare affetto per sentirsi meglio.

UNA FESTA IN PIGIAMA - Ai Cuddle Party possono partecipare tutti: studenti e uomini d’affari, single e fidanzati, mamme e sportivi. Si arriva, rigorosamente puntuali, nella party house prescelta e lì si abbandonano i propri vestiti (ma tranquilli, esistono dei camerini!) per indossare dei comodi e confortevoli pigiamoni e poi ha inizio la prima delle tre fasi in cui è articolato l’incontro: il Welcome Circle. Si tratta del momento in cui viene spiegato ai partecipanti, in modo chiaro, qual è la filosofia dei “coccola-party”, vengono fornite le regole da rispettare e vengono fatti degli esercizi per rompere il ghiaccio - dopotutto, si è circondati da estranei -, ma soprattutto, viene insegnato a chiedere cosa si desidera, il modo in cui si vuole essere coccolati o, al contrario, a come rispondere cortesemente se si vuole essere lasciati in pace.

E STIAMO VICINI VICINI… - Dopo aver fatto conoscenza si passa alla seconda fase, ovvero alla festa vera e propria, chiamata anche Puppy Pile. I partecipanti, di solito un gruppetto di 10/20 persone, si avvicinano l’un l’altro a gattoni, come tanti cuccioli di animale che si accoccolano prima di addormentarsi, e iniziano a scambiarsi carezze, abbracci, grattini, a strusciarsi e a massaggiarsi. Questo grande groviglio di affetto ad alcuni rievoca l’immagine di una pacifica mischia di rugby in pigiama, per altri, invece, è meglio paragonabile ad una grande e meravigliosa lasagna umana.

NON VOGLIO TORNARE A CASA!!! - E dopo circa due ore di tanta dolcezza arriva il triste momento dei saluti. Proprio così, il paradiso di amore e pace è destinato a finire, ma per rendere più facile il distacco i Cuddle Lifeguards guidano i partecipanti all’incontro nel Closing Circle dove si condividono i propri pensieri e magari ci si scambia i numeri di telefono, ma poi spesso si finisce per continuare la conoscenza nel ristorante o bar vicino, o ancora, così viene scritto sul sito ufficiate dell’iniziativa, ci si appresta semplicemente ad una nottata di rilassante e piacevole sonno.

UNA COCCOLA AL GIORNO TOGLIE IL MEDICO DI TORNO - 30 dollari, questa è più o meno la cifra richiesta per partecipare ad un Cuddle Party, e gli effetti benefici sono assicurati. Questo scambio di coccole non è solo un piacere o una momentanea distrazione, ma sembra essere di grande aiuto per il nostro sistema immunitario, utile anche per mantenere una buona salute mentale e per migliorare lo sviluppo del nostro cervello e del sistema nervoso, oltre, ovviamente, a ridurre lo stress.

Ma voi cosa ne pensate di questo tipo di eventi? Se venissero organizzati anche in Italia, vi piacerebbe partecipare? Raccontateci fino a che punto arriva il vostro bisogno di coccole lasciando un commento!

Commenti
Skuola | TV
Skuola Tv

Sesso sicuro, come proteggersi? Tutte le risposte nella prossima puntata della Skuola | Tv!

7 dicembre 2016 ore 16:30

Segui la diretta