Il nostro cervello funziona come Facebook

foto di come funziona il nostro cervello

Mark Zuckerberg ha sicuramente il merito di aver cambiato la nostra vita grazie alla sua geniale creazione: Facebook. Nonostante la sua invenzione sia stata indubbiamente rivoluzionaria, non si può dire altrettanto circa il suo funzionamento. Da quanto dimostrato recentemente da scienziati svizzeri e britannici, infatti, il famoso social network avrebbe ripreso la sua logica di funzionamento dal nostro cervello.

COME FUNZIONA IL CERVELLO – Le sinapsi (le strutture che permettono alle nostre cellule del tessuto nervoso di comunicare tra loro o con le altre) creano legami molto forti fra ciascun neurone ed una miriade di connessioni deboli. Non sapendo, fino ad oggi, quali criteri governassero i rapporti tra le cellule nervose, Thomas Mrsic-Flogel, lo scienziato che ha diretto questo studio, ha iniziato ad interrogarsi su questo argomento arrivando all’ incredibile conclusione che il nostro cervello funziona come un social network.

Guarda il video per scoprire come funziona il nostro cervello!

COME FUNZIONA FACEBOOK – La cellula nervosa (neurone) stabilisce legami molto forti solo con quelle simili a lei, mentre, con le altre, tende a stabilire legami molto più deboli, anche se questi ultimi sono più numerosi. Con Facebook, accade esattamente la stessa cosa. Le amicizie che ognuno di noi ha sul famoso social network possono essere moltissime, ma sono pochi i “contatti” con cui abbiano rapporti più stretti. Con loro, infatti, abbiamo sicuramente interessi comuni e, quindi, proprio come i neuroni, tendiamo a stabilire legami forti solo con loro, pur avendo numerose “connessioni” anche con altre persone. Dunque, come detto, il funzionamento di Facebook non è poi così innovativo anzi, c’era già in natura da parecchio tempo.

L’IMPORTANZA DI QUESTO STUDIO – Questo studio elevetico – britannico, pubblicato su Nature, è sicuramente molto importante. Oltre al merito di aver scoperto le regole che governano i rapporti tra le cellule nervose, questo lavoro potrebbe rappresentare il primo passo per la creazione di un computer capace di simulare l’attività del cervello. E, quindi, chissà che il famoso computer usato da Tony Stark (Iron Man) non diventi presto realtà…

Daniel Strippoli

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv va in vacanza!

Anche la Skuola Tv prende un momento di pausa, ma non preoccuparti in autunno torneremo a farti compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta