10 buoni propositi per il 2017 che non rispetterai

10 buoni propositi per il 2015 che non rispetterai

Inutile a dirsi, i buoni propositi sembrano fatti apposta per non essere rispettati. Puntualmente disattesi, dimenticati in un cassetto. Eppure all'inizio di ogni anno arrivano puntuali. Ecco una lista dei più quotati per il 2016.


1. Studierò e prenderò solo bei voti

Il grande classico, l’immancabile buon proposito degli studenti di tutte le età, dalle elementari all’università. Giurano e spesso spergiurano che, dal 1 gennaio, si metteranno chini sui libri per portare a casa solo bei voti. Almeno dal 6 in su, per fare felici mamma e papà. Chi non ha giurato a se stesso, almeno una volta nella vita, di dedicarsi allo studio? Ovviamente dal 1 gennaio. Sì ma di quale anno?

2. Dieta e cibi sani

Un’equazione logica, immancabile e irrinunciabile. Il proposito di mettersi a dieta arriva proprio nel bel mezzo delle feste natalizie quando a mordere, proprio come la fame, sono soprattutto i sensi di colpa per le abbuffate infinite e ripetute. E allora, per mettere a tacere la coscienza e la bilancia, che cosa c’è di meglio di ripromettersi un’alimentazione corretta e sana. Non da oggi, ovviamente, ma dal 1 gennaio.

3. Andrò in palestra

Praticamente è un’appendice del #2 buon proposito: mangio bene e mi tengo in forma. E’ arrivato quindi il momento di rispolverare quella tuta e quelle scarpe da ginnastica che stanno prendendo polvere da troppo tempo nell’armadio. “Giuro che dal 1 gennaio vado in palestra e farò serie infinite di esercizi per addominali e glutei”: intanto però, in attesa che il 1 gennaio arrivi, finite le vostre scorte di panettoni e torroni.

4. Devo chiamare quell'amico che non sento mai

La fine dell’anno, si sa, è spesso tempo di bilanci e allora alla mente tornano tutte quelle occasioni mancate e quelle persone che, purtroppo e per una serie di motivi, abbiamo perso di vista. “Lo chiamo e ci rivediamo”: questo è un vero buon proposito e andrebbe rispettato, soprattutto se ne sentite forte la necessità. Peccato che anche qui, spesso, è la pigrizia ad avere la meglio. Il tempo passa, le occasioni pure.

5. Non dirò più bugie

Giuro di dire tutta la verità e nient’altro che la verità… ed ecco servita la prima bugia del 2015. Già perché spesso chi si ripromette di non raccontare più balle è, nella maggior parte dei casi, un bugiardo cronico che quindi anche in questa occasione sta dicendo una bugia. Anche a se stesso. Se proprio volete smetterla con il raccontare balle, fatelo subito!

6. Terrò in ordine tutta la casa

Fosse almeno per non sentire più le lamentele di mamma, papà o coinquilini: uno dei buoni propositi che va per la maggiore sembra essere proprio questo, l’ordine. Che si tratti della cameretta o di tutta la casa, dell’armadio o della libreria, c’è sempre qualcosa su cui fare ordine. Lo farete veramente? Ma certo che no.

7. Rifarò il letto ogni mattina

Ecco un’altra importante appendice, questa volta al #6, da tenere presente e che puntualmente viene a decadere. Rifarsi il letto la mattina, lo sappiamo, sembra più una perdita di tempo che una buona azione ma resta il fatto che, per chi vive con noi, è un gesto fondamentale per una pacifica convivenza. “Giuro che dal 1 gennaio rifarò il letto, tutte le mattine”. Sì certo, peccato che poi dopo i primi giorni di buona volontà ti ritrovi già alla Befana con un letto che somiglia più ad una cuccia per il cane.

8. Sveglia presto

Basta corse dell’ultimo minuto, dal 1 gennaio sveglia presto per avere puntuali a lezione. Niente più corse per prendere il bus in tempo, né colazioni lampo tipo “giusto il tempo di un caffè”. Insomma, tra i buoni propositi per l’anno nuovo c’è anche quello che vi vede calmi e rilassati, al mattino, come nelle migliori pubblicità dei biscotti. Ce la farete a mantenere anche questa promessa? Generalmente sì, ma solo per i primi due giorni al massimo.

9. Mi troverò un lavoretto

Con l’anno nuovo, siete più grandi e allora ecco che spunta l’idea di riuscire a mantenervi da soli. O almeno a riuscire a pagarvi le serate con gli amici. Pieni di grinta e buona volontà, giurate di mettervi alla ricerca di un lavoretto per studenti, di quelli che vi impegnano poco e che vi consentono di portare avanti gli studi. Salvo poi farvi sopraffare dalla pigrizia, dopo i primi tentativi falliti, anche questo buon proposito rischia di decadere miseramente.

10. Mi iscrivo a quel corso di…

Inglese, informatica, fai da te o taglio e cucito. C’è un po’ di tutto nei buoni propositi per l’anno nuovo, anche lo studio del cinese. Certo, tanto poi c’è un anno intero per iscriversi e, rimanda oggi rimanda domani, il corso alla fine non si fa.
Sarà per il prossimo anno.
Commenti
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata

Sei curioso di sapere di cosa parleremo mercoledì prossimo? Allora segui il nostro sito per saperlo!

31 maggio 2017 ore 16:30

Segui la diretta