Le 5 cose da fare per una pausa studio efficace

Krave
In collaborazione con Krave

studente che dorme sui libri

La maturità è alle porte e, come una spada di Damocle, pende sulla testa degli studenti: è un periodo stressante, lo sappiamo, e mai come adesso è necessario rimanere tenaci e gestire al meglio i pochi giorni rimasti. Senza dimenticare, tuttavia, di intercalare l’impegno con pause-studio efficaci, fondamentali quanto le ore passate sui libri: è scientificamente provato che il cervello umano dopo 45 minuti di studio ha un calo di attenzione, e ha bisogno di una piccola pausa per riprendere a lavorare. Un’interruzione breve, dai 5 ai 15 minuti, basterà per rimetterlo in moto e riprendere a studiare intensamente.

Ma… cosa fare durante questi minuti? Ecco per voi alcuni consigli per una pausa efficace!

1. Assaggiate i Kellogg´s Krave

L’alimentazione è importante anche quando si studia: nelle vostre pause-studio approfittate del tempo per fare qualche spuntino bilanciato, ma senza riempirvi troppo! Alcune alternative che vi consigliamo sono ad esempio una porzione di frutta secca, un frutto, uno yogurt, o una porzione di latte con Kellogg’s Krave: cereali gustosi, con un sorprendente ripieno al cioccolato. Ce n’è per tutti i gusti: al cioccolato bianco, al latte, al sapore di nocciola, per soddisfare qualsiasi consumatore, che in questo periodo è esattamente come la mascotte Krave: iperattiva, divoratrice di informazioni e bisognosa di tutto ciò che l’aiuta a studiare meglio!

2. Un giro sui social non fa male

Lo smartphone, in questo caso, potrebbe tornare utile: per qualche minuto concedetevi un giro sulla rete, magari alla ricerca di qualche notizia sui giornali online oppure per vedere qualche video o post divertente che allenti la tensione e vi sbrogli la mente!
Ovviamente il telefono non va usato durante le sessioni di studio.

3. Cammina

Un buon modo per rilassare la propria mente è farsi una bella passeggiata: i muscoli si distendono, i polmoni respirano meglio e la mente cambia visuale: da una pagina di un libro alle persone, alla strada, ai negozi. Inoltre, facendo più pause-studio (soprattutto se le ore di concentrazione sono tante), a fine giornata avrete svolto una piccola sessione di attività fisica con tutti i suoi benefici!
Una volta tornati sulla sedia, la mente sarà di nuovo pronta e guizzante per assimilare nuovi concetti!

4. Fate una telefonata

Se si è da soli a studiare, una buona idea può essere quella di chiamare un amico o amica e fare una chiacchierata, non necessariamente sull’argomento scuola o maturità. Anzi, parlare con leggerezza e farsi due risate migliorerà il vostro rendimento nelle ore successive, permettendo al cervello di rilassarsi prima di un altro grande sforzo.

5. Dormite

No, non intendiamo che dovete chiudervi in camera e andare in letargo! Ma potete trasformare le pause-studio in brevi pennichelle: ovviamente se siete a casa, è semplice; nel caso preferiate studiare in biblioteca, potreste usare dei libri sui quali appoggiare la testa e chiudere gli occhi. L’importante è almeno chiudere gli occhi e rilassarsi.
Attenzione a non abusare del breve pisolino: non deve superare i 20 minuti, altrimenti il sonno profondo finirà per deconcentrarvi irrimediabilmente!