Instagram sembra copiare Snapchat: perché?

Anche se Snapchat ha come logo un fantasmino, è il caso di dire che questa volta il poverello è stato vittima di un altro suo simile.
Si cela infatti il fantasma di Instagram dietro la paradossale situazione creatasi in queste ore. L'azienda di Palo Alto, già proprietaria di Facebook, WhatsApp e Oculus Rift, ha infatti annunciato che presto verrà introdotto nel giro di poche ore il nuovo aggiornamento con Instagram Stories (copia spudorata, fin del nome, di Snapchat Stories) che consentirà di inviare foto e testi che si autodistruggeranno entro 24 ore.

Ma non è la prima volta che l'occhione perspicace di Mark fissa l'azienda di Evan Spiegel. Infatti Zuckerberg aveva fatto una proposta d'acquista all'azienda di internet, rifiutata dall'allora startup. Si sono rincorse, dall'inizio dell'anno, voci che parlavano di un eventuale concorrenza della Facebook Inc. alla società del fantasma. Molti parlavano di una funzione presente nel sito principale della casa di Mark, ma, non tanto a sorpresa, Instagram le ha dichiarato concorrenza. Perché entrambe hanno qualche punto in comune: condividere foto, modificarle, aggiungerci didascalie e testi.

Insomma, in questa lotta tra giganti l'utente medio ne giova. Secondo Piper Jaffray, Snapchat ha sorpassato Instagram, con un bel 28% contro il 27% nella fascia teenager/giovani (18-24).

E secondo Bloomberg, società americana specializzata in sondaggi, l'azienda della piattaforma bianca e blu è in rapida crescita. Se Kevin Systrom, papà creatore di Instagram ammette di aver scopiazzato il modello (come riportato al Corriere della Sera) affermando che la paternità di Stories è indirettamente di Spiegel, Zuckemberg teme le mosse strategiche della giovane concorrenza che continua ad assumere ingegneri e informatici per implementare nuove funzioni alla nota applicazione.



Evan Spiegel, creatore di Snapchat insieme a Bobby Murph, è il più giovane miliardario al mondo. È sposato con Miranda May Kerr, la top model musa di una nota fabbrica di gioielli e oggettistica operante in tutto il mondo.

Instagram Stories non è collegato al profilo del singolo utente, è sua discrezione usarlo. Come nell'app di Spiegel per creare i propri Snap si possono trarre delle foto dalla galleria del telefono e i video non possono durare oltre 10 secondi (essi però non devono essere più vecchi di 24 ore). Non è consentito lasciare 'love e mi piace' ma si può parlare con l'autore della storia che, a suo piacimento, può bloccare sfilze di utenti curiosi indesiderati e/o modificare la privacy senza preavviso alcuno.

E cede subito alla tentazione Higuain e la Juventus.


Screenshot di Instagram Stories.


I SOCIAL NETWORK PIU' USATI DAI GIOVANI
1. Facebook
2. Snapchat --- dato a rischio di ribaltamento?
3. Instagram --- dato a rischio di ribaltamento?

E Twitter? L'uccellino ha perso le ali. 320 milioni di utenti immutati. Google Plus? Un deserto arido: i giovani non lo usano, nonostante gli sforzi dell'azienda della Silicon Valley, una piazza per lo più anonima e poco usata.

Di certo qualcuno non farà sonni tranquilli quest'estate.

E I GENITORI?
Così ha scritto Serena Rosticci, giornalista a Skuola.net:

La pacchia è finita, mamma e papà hanno scoperto Snapchat. Sai meglio di noi che stiamo parlando proprio del social che sta spopolando tra i tuoi amici per la sua possibilità di non far rimanere traccia dei contenuti postati. Foto e video spariscono immediatamente dopo pochi istanti, a patto che non siano pubblicati sulla tua storia.

(Serena Rosticci, Skuola.net)

E ora sarà ancora peggio. Mamma e papà hanno scoperto Instagram Stories e gli esiti saranno catastrofici, infatti l'uso è molto più semplice e intuitivo: a prova di MIEI. Inoltre bisogna porre rimedio al sexting, triste fenomeno che sta dilagando nel nostro paese e nel mondo. E queste tecnologie istantanee aiutano ad alimentare i pensieri errati sulla propria vita e concezione di sé dettati da un momento difficile della vita di un essere umano: l'adolescenza.

Alessio Cozzolino

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv va in vacanza!

Anche la Skuola Tv prende un momento di pausa, ma non preoccuparti in autunno torneremo a farti compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta