NOZIONI DI ACUSTICA

L'acustica è quella parte della Fisica che studia i fenomeni uditivi e in particolar modo, le leggi relative alla produzione del suono.
Il suono è un fenomeno acustico prodotto dalle vibrazioni periodiche dei corpi elastici (vetro, metallo, pelle). Esso rispecchia tre parametri: altezza, intensità e timbro. L'altezza del suono è quella qualità per cui distinguiamo un suono acuto da quello grave ed essa dipende dal numero delle vibrazioni. L'intensità, invece, è quella qualità per la quale possiamo distinguere un suono forte da quello debole ed essa dipende dall'ampiezza delle vibrazioni. Il timbro o tempera un colore del suono, è quella qualità per la quale possiamo distinguere un suono da quale fonte sonora è stato prodotto.
Per vibrazione s'intende quel rapido movimento di va e vieni di un corpo a seguito di un impulso ricevuto. L'elasticità, invece, è quella qualità che hanno i corpi di riprendere la loro forma originaria anche se sollecitati da una forza a loro estranea.


IL METRONOMO

Il metronomo è uno strumento meccanico che serve a stabilire con precisione assoluta il grado di velocità dell'unità di movimento o di divisione di una composizione.
Nella sua forma tipica esso consiste in una cassetta a forma piramidale munita come d'un pendolo capovolto, il quale viene azionato da un meccanismo ad orologeria che ne prolunga il moto oscillatorio. Dietro questo pendolo del contrappeso scorrevole si estende, nella lunghezza dell'asta una tabella munita di tanti numeri, ciascuno dei quali corrispondente al numero delle oscillazioni che compie il pendolo in un

[math]m'[/math]
fissandone il peso a quell'altezza.

I numeri vanno da

[math]40[/math]
oscillazioni al
[math]m'[/math]
indicando il tempo largo o lento fino a un massimo di
[math]208[/math]
oscillazioni al
[math]m'[/math]
indicando il tempo presto.


IL DIAPASON O CORISTA

Il diapason o corista è un piccolo strumento metallico a forma di forchetta che serve come punto di riferimento tonale per l'accordatura degli strumenti e dei cori. Percuotendo i suoi rebbi esso produce un suono debole ma nitido corrispondente al LA centrale del pianoforte il quale serve come punto di partenza per l'accordatura degli strumenti o per l'intonazione dei cori.

Il LA del corista normale universalmente adottato è di
[math]435[/math]
vibrazioni doppie al
[math]m'[/math]
. Tale altezza fu stabilita dall'accademia di Scienze di Parigi nel 1859.

Registrati via email