Amr98 di Amr98
Ominide 91 punti

Giuseppe Verdi

Vita
Giuseppe Fortunino Verdi nacque a Roncole di Busseto nel 1813, di umili origini. Fu avviato agli studi musicali dall’organista del paese: Pietro Baistrocchi. Successivamente fu ospitato a Busseto da un ricco commerciante, Antonio Barezzi il quale lo pose sotto la guida di Ferdinando Provesi, maestro della banda del paese. Allorché a quest’insegnante non rimase più nulla da insegnare Barezzi inviò Verdi a Milano ma al conservatorio non fu ammesso (lo stesso conservatorio oggi porta curiosamente il nome di Verdi). Si pose sotto la guida di Vincenzo Lavigna, maestro al cembalo alla scala le cui costose lezioni private furono sempre pagate da Barezzi. Ultimati gli studi tornò a Busseto trovando lavoro come professore di musica e organista della Chiesa. Nel 1839 ebbe un discreto successo con un’opera alla Scala ma la seconda opera fu un fiasco. Solo nel 1843 con il Nabucco, Verdi fu consacrato un grande operista. Seguirono anni d’intensissima attività durante i quali Verdi viaggiò moltissimo per curare nei vari teatri l’allestimento delle sue opere. Egli approfittò della aspirazione all’indipendenza e alla libertà diffuse nella popolazione lombarda per conquistare il consenso popolare musicando libretti di argomento patriottico. Nel 1849 si unì a Giuseppina Strepponi che sposerà 10 anni dopo.

Durante gli anni ’50 Verdi abbandonò i libretti legati ai temi politici ed affronta problematiche più specificatamente romantiche. Ormai la sua fama ha valicato le Alpi e la sua celebrità va a pari passo con il successo economico. Nel 1871 al Cairo, in occasione dei festeggiamenti per l’apertura del Canale di Suez, fu eseguita un’opera scritta per tale l’occasione, l’Aida. Nel 1874, qui a Milano, nella Chiesa di San Marco, diresse la Messa di Requiem dedicata ad Alessandro Manzoni nel primo anniversario della sua morte. Passeranno tanti anni prima che Verdi si decidesse a scrivere nuovamente opere teatrali; nel 1887 rappresentò l’Otello e nel 1893 il suo ultimo capolavoro, il Falstaff. Morì il 27 gennaio 1901, in una suite dell’Hotel “et de Milan”, all’incrocio fra Via Manzoni e Via Montenapoleone. Il suo corpo e quello di Giuseppina riposano nella Cappella della casa di riposo per musicisti.

Opere
Le opere di Giuseppe Verdi sono:
(1839-1849)
- Nabucco
- I lombardi alla prima crociata
- La Battaglia di Legnano
- Luisa Miller
- Macbeth
- Giovanna D’Arco
In queste opere si afferma l’originalità di Giuseppe Verdi determinata dalla vigorosa invenzione melodica e dalla forte spontaneità ritmica. I libretti sottolineano le aspirazioni all’indipendenza alla libertà che animavano la società italiana a quel tempo

(1850-1867)
- Rigoletto
- Trovatore
- Traviata
- Un ballo in maschera
- La forza del destino
- Simon Boccanegra
- I vespri siciliani
- Don Carlos
In queste secondo periodo i libretti di Verdi superano i temi patriottici e si rivolgono più specificatamente alla concezione romantica del dramma, determinato del conflitto fra i protagonisti della vicenda e l’ambiente sociale che li circonda.
(1871-1893
- Aida
- Otello
- Falstaff
Nel terzo periodo della produzione verdiana il linguaggio del compositore si affina e si evidenzia una grande profondità di analisi psicologica dei personaggi. Inoltre viene superata la ripartizione del melodramma in forme chiuse (aria-recitativo) e Verdi inventa il DECLAMATO MELODICO, una melodia ininterrotta che lega tutto lo spettacolo.

Registrati via email