Ominide 914 punti

Ludwig Van Beethoven

Beethoven nacque a Bonn nel 1770 da una famiglia di origine fiamminga. Egli fu avviato allo studio della musica dal padre che voleva farne un bambino prodigio come Mozart. La formazione musicale avvenne con grandi maestri, mentre, alla sua formazione culturale contribuì in larga misura l’ arcivescovo Maximilian Franz di Bonn. Per Beethoven iniziarono ben presto difficili e tristi condizioni familiari. All’ età di 17 anni muore la madre e così dovette provvedere alla cura e al sostentamento dei fratelli minori e del padre alcolizzato. Riuscì tuttavia a trovare un posto come violinista alla corte di Bonn. Anni dopo muore anche il padre e allora Beethoven si trasferì a Vienna. Qui ebbe inizio la sua attività concertistica, che lo impose subito per la bravura pianistica: a Beethoven si aprirono allora le porte della nobiltà viennese. Ma poco tempo dopo una grave sventura avrebbe profondamente cambiato la sua vita: non ancora trentenne iniziò ad avvertire dei disturbi all’ udito che lentamente lo avrebbero coinvolto alla totale sordità. La sordità lo portò a gravi momenti di sconforto e di disperazione, sino a gettarlo sull’ orlo del suicidio. Il suo coraggio prevalse ed egli riuscì a sopravvivere, anche se la nuova situazione rese difficili i contatti sociali. L’ unico suo conforto rimase la musica che riusciva a creare senza poterla udire. La sua produzione dopo il 1800 aumentò notevolmente e la sua fama era conosciuta in tutta l’ Europa facendo contendere i suoi lavori tra gli editori. Era già debole l’ udito quando scrisse la messa solenne, un’ opera sentita e sofferta. Tra le sue composizioni sono famosissime le nove sinfonie, di cui la terza fu inizialmente dedicata a Napoleone Bonaparte. Quando questi si proclamò imperatore, Beethoven deluso cambiò la dedica. Egli, inoltre, scrisse 32 sonate per pianoforte. Un’ infiammazione polmonare stroncò la sua esistenza nel 1827. Beethoven è stato uno dei più grandi musicisti di tutti i tempi dandogli una figura di particolare rilievo nella storia della musica. Egli s' identificò con gli ideali di libertà, uguaglianza e fratellanza tipici della Rivoluzione Industriale.

Registrati via email