Mito 2715 punti

Riassunto dell'Odissea

* Canto I: Il proemio dell'Odissea narra di un concilio degli dèi (Poseidone è assente), in cui Atena supplica Zeus di andare in aiuto di Odisseo, prigioniero di Calipso preso Ogigia. Ottenuto ciò, Atena si reca ad Itaca, regno di Odisseo, sotto mentite spoglie, per convincere Telemaco, figlio dell'eroe a cercare informazioni sul padre.
* Canto II: Telemaco si lascia convincere e convoca un'assemblea di Itacesi, si procura una nave e parte, di nascosto, alla ricerca dello scomparso padre.
* Canto III: Telemaco fa tappa a Pilo, presso Nestore, che però non sa fornirgli alcun aiuto; parte allora, accompagnato dal figlio di Nestore alla volta di Sparta.
* Canto IV: Qui Menelao è impegnato, con Elena, nei festeggiamenti per le nozze dei figli, ciò nonostante ospita Telemaco al suo banchetto e gli racconta le imprese gloriose del padre; scopre poi della tappa del padre presso Ogigia. Nel frattempo, ad Itaca, i Proci bramano contro di lui.
* Canto V: Gli dèi inviano Ermes messaggero da Calipso, ordinandogli la liberazione dell'eroe; così avviene: ma quando Odisseo è ormai vicino all'isola dei Feaci, Poseidone (padre dell'accecato Polifemo) se ne accorge e scatena una tempesta. Odisseo, però, sopravvive per l'intervento della dea marina Leucotea e giunge a riva.
* Canto VI: Odisseo incontra Nausicaa, figlia di Alcinoo re dei Feaci; la principessa, per influsso di Atena, accoglie benevolmente lo straniero e lo indirizza verso il palazzo reale.
* Canto VII: Giunto presso Alcinoo e Arete (i sovrani), l'eroe è invitato a raccontare la sua storia, ma non renderà mai nota la sua vera identità.
* Canto VIII: Il secondo giorno presso i Feaci, Odisseo partecipa ad un banchetto, durante il quale un aedo Demococo canta le vicende della guerra di Ilio e suscita la commozione dello straniero
* Canto IX: vista la partecipazione commossa alle vicende cantate, Alcinoo costringe lo straniero a rivelare la sua identità e a raccontare, con la sua viva voce, le vicende della guerra; Odisseo, a questo punto, racconta della partenza da Troia, lo scontro con i Ciconi, l'isola dei Lotofagi, l'isola dei Ciclopi, l'accecamento di Polifemo e l'ira funesta di Poseidone, padre del Ciclope.
* Canto X: giunge poi, con i compagni, all'isola di Eolo, dio dei venti, che fornisce loro un otre contenente i venti contrari al ritorno ad Itaca, affinché potessero avere una navigazione più semplice. Ma giunti in prossimità di Itaca, alcuni compagni aprono l'otre e i venti li sospingono, di nuovo, lontano fino alla terra dei Lestrigoni, giganti che massacrano i naufraghi, fatta eccezione per la nave di Odisseo, che, a questo punto, giunge all'isola della maga Circe.
Qui Circe trasforma i compagni di Odisseo in porci, sarà Ermes l'unico aiuto per l'eroe per liberare i compagni.
* Canto XI: Circe ordina ad Odisseo il viaggio nell'Ade, durante il quale l'eroe incontra la madre, l'indovino Tiresia, Achille, Agamennone.
* Canto XII: Odisseo racconta le ultime vicende prima dell'arrivo all'isola dei Feaci: l'esperienza del canto ammaliatore delle Sirene, la vicenda di Scilla e Cariddi, l'uccisione dei buoi del Sole, la permanenza da Calipso.
* Canto XIII: Con l'aiuto dei Feaci, Odisseo torna ad Itaca, dove Atena lo trasforma in mendicante, per permettergli di analizzare la situazione prima di tornare in casa propria.
* Canto XIV: Odisseo, mendicante, si rifugia presso il porcaio Eumeo, al quale dice di essere cretese e di aver conosciuto Odisseo durante la guerra.
* Canto XV: Telemaco, aiutato da Atena, torna velocemente a Itaca; Eumeo racconta la sua vita al cretese.
* Canto XVI: Telemaco, al suo ritorno, viene accolto da Eumeo, dove riconosce nel mendicante suo padre Odisseo e, con lui, pianifica il da farsi.
* Canto XVII: Odisseo, mendicante, e Eumeo si recano a palazzo dove il cane Argo, morente, riconosce il padrone. Odisseo entra nella reggia e conosce i soprusi dei Proci, tra tutti di Antinoo.
* Canto XVIII: Subìti diversi soprusi, odisseo è costretto a combattere contro un altro mendicante Iro, che sconfigge facilmente
* Canto XIX: Odisseo si reca, poi, da Penelope per annunciargli il ritorno del marito, ma lei non gli crede. Lo accoglie, comunque, nella sua reggia e ordina di farlo lavare; a quel punto la nutrice Euriclea lo riconosce. Penelope, oppressa dai Proci, promette che si sposerà al termine di una gara d'arco.
* Canto XX: Durante un lauto banchetto, Odisseo subisce diverse ingiurie da parte dei Proci.
* Canto XXI: Penelope porta l'arco di Odisseo, maneggiato sempre e solo da lui, affinché abbia inizio la gara. Tutti provano a tendere l'arco ma invano; il mendicante Odisseo, fra le riserve e le proteste dei proci, ottiene il permesso di provare e vi riesce, vincendo la gara.
* Canto XXII: Aiutato dai suoi alleati, Odisseo combatte contro i Proci e li uccide
* Canto XXIII: Penelope, però, non lo riconosce; questo avverrà soltanto dopo che egli le rivelerà un particolare del loro letto nuziale.
* Canto XXIV: Le anime dei Proci giungono nell'Ade; intanto Odisseo fa visita al padre Laerte e si fa riconoscere. Dopo una breve lotta civile ad Itaca, conclusa grazie ad Atena, Odisseo torna a regnare.

Registrati via email